Palermo, alcune abitazioni a secco. "L'acqua è per le navi da crociera"

Rubinetti a secco in diverse zone della città, a Palermo. A questo disservizio si aggiunge che in altri quartieri è stata interrotta l'erogazione idrica per interventi tecnici, "urgenti e improrogabili", di manutenzione alla rete, nei circuiti di Partanna Mondello, Mondello Paese, Valdesi, Addaura, Vergine Maria ed Arenella.

L'Amap in una una nota rassicura che da oggi la distribuzione sarà regolata spiegando che la riduzione della distribuzione dell'acqua è legata al prelievo da parte di alcune navi in transito al porto di Palermo. Non è l'accusa di qualche cittadino inferocito da un disservizio, ma il comunicato della stessa Amap S.p.A., società che fornisce il servizio alla città.

E com'è ovvio, la discussione relativa al disagio di tantissimi cittadini, è arrivata anche in consiglio comunale, dove i consiglieri del Movimento 5 Stelle hanno diramato una nota in cui esprimono tutto il loro stupore e indignazione per i disagi subiti dalla popolazione: "Probabilmente negli altri porti le amministrazioni hanno preferito dare priorità al servizio che devono garantire alla propria comunità".

Brutta sorpresa per centinaia di palermitani, che negli ultimi giorni sono stati alle prese con un'inaspettata carenza d'acqua. Ma è possibile che il rifornimento idrico a due-tre navi crociera possa mettere in crisi l'erogazione idrica ad interi quartieri ed a decine di migliaia di cittadini? "Sembra molto difficile, se non impossibile", concludono i consiglieri. "Siamo di fronte ad un'altra conseguenza negativa della mancata inspiegabile dichiarazione di stato di calamità naturale che, dopo ormai 9 mesi di sostanziale siccità non è più rinviabile", dice il sindaco Leoluca Orlando.


Popolare

COLLEGARE