Napoli, contro l'Atalanta l'ultima di Reina in azzurro?

LE STATISTICHE - Le due squadre si sono scontrate in ben 92 gare nel campionato di Serie A. Il Napoli ha totalizzato 40 vittorie, di cui 32 in casa; mentre l'Atalanta ha ottenuto 25 trionfi, di cui solo 5 in campo ostile. Allo stadio San Paolo si sfideranno il Napoli e l'Atalanta, due club che rappresenteranno l'Italia nelle coppe europee nel corso della stagione appena iniziata. In casa partenopea tiene sempre banco la questione legata a Reina che potrebbe salutare nella prossima settimana per volare al PSG, in casa orobica invece sembra rientrata la situazione relativa a Spinazzola, ma mai dire mai fino al 31 agosto, il mercato è imprevedibile.

Tocca all'Atalanta di Gasperini saggiare la bontà delle velleità scudetto del Napoli di Sarri.

Sarri ha preparato minuziosamente il match, non snaturerà la sua creatura ed opporrà il classico 4-3-3 all'Atalanta che dal canto suo si presenterà al San Paolo con il 3-4-1-2, ormai marchio di fabbrica della squadra del Gasp. Rientrato anche l'allarme per Dries Mertens: a Verona il belga aveva subito un pestone e nei giorni seguenti aveva lasciato anzitempo l'allenamento, ma già a Nizza per la Champions League era in campo dal primo minuto. Non si attendono sorprese di formazione, col cambio obbligato di Maggio (per lo squalificato Hysaj), il tridente leggero davanti e l'unico ballottaggio vede Zielinski insidiare Allan, ma il brasiliano è comunque favorito per partire titolare nel terzetto con Jorginho ed Hamsik.

L'Atalanta riavrà Spinazzola, ma non farà parte dell'undici iniziale, così come rivelato da Gasperini durante la conferenza stampa di ieri pomeriggio. Difesa composta da Toloi, Palomino e Masiello. A destra, largo agirà Hateboer, ancora favorito sul nuovo acquisto Castagne, mentre a sinistra confermato l'impiego di Gosens. A centrocampo Cristante, Freuler e Hateboer e Gosens esterni. Kurtic più avanti alle spalle di Gomez e Petagna per il solito 3-4-1-2 di Gasperini.


Popolare

COLLEGARE