Grand Prix di volley. Per l'Italia in semifinale c'è la Cina

Da qui la decisione della federazione, di puntare su Mazzanti, tecnico che a soli 41 anni, ha vinto con le squadre di club, italiane ed estere.

Nessuno, alla vigilia, pronosticava la squadra di Mazzanti così in alto. Nel secondo set il Brasile cala di intensità (volontariamente?) e l'Italia ne approfitta con una straripante Egonu, un'ottima Chirichella e una C. Bosetti tutto cuore, per il provvisorio 1-1. Brasile costantemente avanti nel primo set, sebbene le nostre piano piano riescano a riportarsi sotto, arrendendosi soltanto ai vantaggi (26-24). Le azzurre conquistano il secondo set per 25-17, ma subiscono di nuovo il sorpasso nel terzo periodo (22-25). Adesso ecco la finale contro il Brasile, altra partita difficilissima: l'Italia però l'affronta con la serenità di chi è già andato oltre le aspettative e la voglia di chi vuole completare una grande impresa, dunque nulla è impossibile. Inversione di tendenza nel quarto parziale, in cui le verdeoro controllano sul 19-12, ma finiscono per subire il rientro delle nostre, che si riportano in parità e spingono la partita fino al tie break. Terzo posto alla Serbia, che batte nella finalina per il bronzo la Cina.


Popolare

COLLEGARE