Google licenzia ingegnere dell'email sessista

Il documento - pubblicato in forma anonima - dall'ingegnere James Damore su un forum interno della società teorizzava infatti la differenza biologica tra uomo e donna, che ne giustificherebbe le disparità di trattamento sul lavoro: tra i dipendenti di Google il 69 per cento sono uomini e le donne occupano solo un quarto delle posizioni di leadership. La società non ha perso tempo e, in risposta alle critiche piovute da più parti, ha messo alla porta l'autore del documento. In una email al personale l'amministratore delegato di Google Sundar Pichai ha difeso il diritto degli impiegati ad esprimersi, sostenendo che la maggior parte della nota poteva essere oggetto di un dibattito. "Il nostro lavoro è creare grandi prodotti che facciano la differenza per la vita delle persone".

La stessa Brown, infine, ha aggiunto che sebbene una opinione possa risultare scomoda "per costruire di un ambiente aperto, inclusivo, va promossa una cultura in cui anche chi ha punti di vista alternativi, anche politici, si senta libero di esprimere la sua opinione".

Il suo è un intervento duro, che non lascia spazio a interpretazioni: viene ufficializzato il licenziamento di chi ha scritto il manifesto, poiché ritenuto in palese violazione del codice di condotta dell'azienda (Google's Code of Conduct).

Dal profilo LinkedIn di Damore si apprende che il suo arrivo in Google è datato dicembre 2013, dopo aver ricoperto il ruolo di ricercatore alla Harvard University, al MIT (Massachusetts Institute of Technology) e alla Princeton University. Lo scandalo dell'email sessista è stato usato dai media conservatori come Breibart per attaccare Google, accusata di dare più importanza a quello che è più corretto politicamente rispetto alla libertà di espressione. "Ma (il manifesto) viola il nostro codice di condotta e oltrepassano la linea, proponendo stereotipi di genere dannosi". Via Twitter. In un 'cinguettio', il fondatore di WikiLeaks ha scritto che "la censura è per perdenti".


Popolare

COLLEGARE