Cassano: "Scudetto all'Inter, Spalletti un genio. E Schick…"

Dall'esperienza al Real Madrid fino al forfait con il Verona: ecco gli argomenti toccati da Antonio, che ha espresso anche un giudizio sul big match della seconda giornata di campionato: Roma-Inter. E' questo il suo limite. Lui non si scompone e continua, tra desideri ed alternative che suonano quasi come una resa verso una situazione al momento immutata.

Cassano ha poi parlato di Schick, per lui superiore a Dybala. E lo ringrazio. Ora sono pronto: portare in A l'Entella diventerebbe il mio sogno. Sono senza agente: chi mi vorrà saprà come contattarmi, ma deve fare in fretta. "Poi gli altri. Sul podio metto Insigne e Dzeko". "Con Giulini c'è stima e simpatia reciproca". Chi mi potrebbe convincere?

Lo stop alla trattativa da parte dell'Inter metterebbe dunque su un binario morto anche la ricerca di un accordo con tra Sampdoria e Roma. In panchina l'Inter quest'anno ha un genio: Spalletti.

"Io e Lorenzo siamo molto amici ma ero più forte (ride.) e siamo diversi: io tutto estro e fantasia e svariavo nel campo, lui ha necessariamente bisogno della fascia, di giocare in un 4-3-3 largo a sinistra".

Inter-Schick, senti Cassano - Una parentesi nerazzurra che però ad Antonio Cassano è rimasta nel cuore: "all'Inter ho giocato solo un anno ma sono rimasto interista dentro", le parole del talento di Bari Vecchia rilasciate alla Gazzetta dello Sport. C'è da dire comunque, che se le eventuali trattative non verrebbero concluse entro settembre, Cassano potrebbe davvero l'ipotesi di ritirarsi dal calcio giocato.


Popolare

COLLEGARE