Buoni Pasto: Il decreto in Gazzetta

Le nuove norme, contenute in un decreto del ministero dello Sviluppo economico dello scorso giugno, entreranno in vigore il prossimo 9 settembre.

Il buono pasto si potrà spendere anche negli agriturismi, negli ittiturismi, nei mercatini e negli spacci aziendali. Risulteranno fruibili per l'intero "valore facciale", non ci sarà pertanto il resto, e saranno cumulabili fino a un massimo di 8.

Dal 10 Settembre entro in vigore le nuove regole sui buoni pasto, benefit spesso esentasse che viene dato spesso ai dipendenti al posto del servizio di mensa.

Sui buoni cartacei forniti dal datore di lavoro, che oggi riportano la scritta "non cumulabile", verrà scritto da ora in poi che i ticket "non sono cedibili, ne' cumulabili oltre il limite di otto buoni, ne' commercializzabili o convertibili in denaro e sono utilizzabili solo dal titolare".

Non si potrà inoltre cedere il buono pasto al proprio coniuge per la spesa familiare e utilizzare il buono in un giorno non lavorativo, quindi niente spesa il sabato e la domenica se si resta a casa in quanto non si lavoro.


Popolare

COLLEGARE