Brescia, acquistato il club da Cellino: il comunicato

Sulla scelta di acquistare il Brescia: "Ho fatto una pazzia".

Brescia già sogna in grande, ma un ultimo plauso a Marco Bonometti non va tralasciato: grazie enorme per aver salvato la società dal fallimento e per poterci farci sognare ancora in grande dopo un semplice cambio di proprietà. "E' una piazza ed una squadra che mi è sempre stata a cuore, si può fare calcio in modo serio, ne sono convinto". "I tifosi sono simpatici, anche se forse un po' pochi".

Su Marco Bonometti, presidente uscente dei lombardi: "Voglio ringraziarlo pubblicamente". E più siamo, più ci divertiamo. Non serve troppo tempo per rifondare una società. L'anno scorso seguivo il Brescia, l'ho visto giocare tante volte e ho detto tante preghiere perché si salvasse. Quest'anno le preghiere non sarebbero bastate: "non vedo l'ora di darmi da fare" il commento di Cellino alla Gazzetta dello Sport. L'avventura cagliaritana di Cellino termina con le polemiche relative alla costruzione del nuovo stadio, prima a Quartu Sant'Elena e poi a Is Arenas. Ma Gino era molto passionale. Io sono più razionale. I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti.

Riuscirà Cellino a riportare il Brescia ai fasti degli anni di Carlo Mazzone e Roberto Baggio?


Popolare

COLLEGARE