Boldrini, stupro di gruppo: non cita mai i carnefici immigrati ricercati

Occorre sottolineare che per la violenza di Rimini sono ricercati quattro nordafricani: se fossero stati italiani avrebbe espresso il proprio diniego? "Forse è più dedicata ai commenti offensivi sulla sua persona e a completare denunce". A loro va tutta la comprensione se non le scuse formali, in quanto il caso è stato creato da chi fino ad oggi ha fatto parte del nostro gruppo, ma che è stato sollevato, già nella giornata di ieri, con provvedimento del coordinamento di Foggia e Provincia dal suo incarico di responsabile a San Giovanni Rotondo. Però quelle parole non ammettono fraintendimenti, sono poche e chiare.

Dopo le polemiche l'esponente di destra aveva tentato di calmare gli animi: "Capisco che il mio post è stato frainteso e anche strumentalizzato a favore di qualcuno - ha scritto - ma è tanta la rabbia per questa giovane donna stuprata, e il silenzio della Boldrini e di tutte le femministe (che hanno preferito accanirsi su di me), che non ci ho visto più". Il post di Siorini - sottolinea il PD - si indirizza verso il reato di istigazione a delinquere, ancor più grave se commesso attraverso mezzi informatici. Ovvio che non era mia intenzione augurare il male a nessuno, con questo non cambio idea: "auguro una castrazione chimica a tutti gli stupratori e la rabbia del popolo a tutti i complici del PD". Sempre la Di Salvo ha aggiunto di non stupirsi più di tanto di fronte ad esternazioni del genere, consapevole che l'odio instillato dalle dichiarazioni di Salvini ogni giorno può portare alla creazione di mostri. Noi donne e uomini del Partito Democratico di San Giovanni Rotondo riteniamo che questa non possa essere definita neanche lontanamente "politica". Come se la gravità della violenza dipendesse da chi la mette in atto o da chi la subisce.

Quanto sono condivise, ci domandiamo, dalla comunità degli elettori e dai dirigenti del partito "Noi con Salvini", sia locali che nazionali?

Anche dai vertici del Nazareno è arrivata la condanna per le parole di Siorini. Dal silenzio noi ne trarremo conferma.


Popolare

COLLEGARE