WhatsApp, fastidiosi messaggi vocali, ecco come trasformarli in testo

Le ultime statistiche rilasciate dal colosso americano parlano chiaro, degli oltre 50 miliardi di messaggi scambiati ogni giorno, il 25% sono note vocali, una percentuale in continua crescita.

WhatsApp, fastidiosi messaggi vocali, ecco come trasformarli in testo - Diciamoci la verità, i messaggi vocali sono una vera e propria tortura.

Capita, a volte, che l'altra persona si trovi in un luogo in cui "Do not distrurb, Please" come un museo, una biblioteca o una sala riunione.

Non tutti, però, hanno appieno apprezzato l'introduzione di questa funzionalità, trovandola indiscreta e, comunque, non sempre utilizzabile nei più svariati contesti. Ci ha pensato un'app: Speechless ovvero, senza parole. Quando arriverà un audio messaggio, si avvierà semplicemente l'applicazione che si occuperà di trascriverne il testo, garantendo l'intimità della conversazione e facilitandone la comprensione.

E su Android? L'aggiornamento per ora coinvolge soltanto la versione iOS di WhatsApp, ma lo sviluppo dell'alternativa Google ormai procede praticamente in parallelo: per avere la la modalità di scatto notturno non occorrerà aspettare molto.

WhatsApp sta implementando nuove funzioni come la Night Mode, tuttavia niente è cambiato per quanto riguarda i messaggi vocali. Oggi vi presentiamo un'applicazione in grado di rendere ancora più pratico l'utilizzo di messaggi vocali, convertendoli in testo. Se viene cliccata, i file saranno automaticamente caricati nel cloud di Speechless che per mezzo di un algoritmo a riconoscimento vocale, riuscirà a trascriverli in pochissimi secondi.

L'applicazione è già fornita in dieci lingue compreso l'italiano, il software è in grado di leggere le note vocali inviate o ricevute tramite Whatsapp, mentre al momento non è compatibile con le note audio di Telegram. L'unico limite, errori di scrittura a parte, è quello di dover disporre di una connessione dati. A Speechless poi non piacciono le parolacce: in caso di termini poco consoni, si riserva il diritto di censurarli.


Popolare

COLLEGARE