Volvo: dal 2019 tutte le auto prodotte saranno elettriche

Svolta per epocale per Volvo.

Per il futuro prossimo (l'intervallo indicato è quello 2019-2021) sono annunciate cinque auto elettriche Volvo, due delle quali a cura di Polestar, brand interno riservato ai modelli ad alte prestazioni, che si avvia a guadagnare una propria autonomia sotto la guida di Thomas Ingenlath, vice president design per il Marchio svedese. Lo ha comunicato mercoledì la compagnia di proprietà cinese, che diventerà così la prima casa automobilistica a fissare una data per l'eliminazione delle macchine alimentate solo dal motore a combustione interna.

Tradotto: gli affezionati del marchio dovranno abituarsi all'idea che presto non ci sarà più sul mercato una Volvo senza un motore parzialmente o del tutto alimentato a batteria. La startup di Elon Musk ha venduto 76 mila auto nel 2016 ma punta a produrne un milione entro il 2020, proprio come ha annunciato Volvo: oggi Tesla ha una valutazione di mercato di 58 miliardi, già superiore a quella di General Motors. A queste si aggiungeranno modelli ibridi plug in, a benzina o Diesel, e l'opzione (per tutte le auto) di sistemi "mild hybrid" da 48 volt, dal costo più contenuto rispetto all'ibrido tradizionale.

"Questo annuncio segna la fine dell'automobile con motore esclusivamente a combustione", ha dichiarato l'amministratore delegato di Volvo Cars, Hakan Samuelsson. Il principio della sostenibilità ambientale si traduce non soltanto nella produzione di veicoli con emissioni inquinanti sempre più basse, ma anche nella riduzione dell'inquinamento prodotto dal ciclo produttivo: il costruttore si è posto l'obiettivo dell'impatto zero entro il 2025. Per quanto riguarda il resto del mondo, la quotà è solo dell'1%, ma i numeri sembrano in rapida ascesa. Non sarà una corsa a due.

Immatricolazioni a parte, sono i valori di mercato a segnare la tendenza. BMW prevede di introdurre una versione elettrica della sua serie 3 a settembre, per rispondere alla sfida di Tesla.


Popolare

COLLEGARE