Insigne: "Tutti noi abbiamo il sogno scudetto"

Maurizio Sarri, Lorenzo Insigne e Allan hanno incontrato i tifosi presso il Centro Congressi di Folgarida, rispondendo alle loro domande. "Io ho la presunzione che Maksimovic e Tonelli in salute possano darci una grande mano". "I miei genitori se lo meritano e spero che io li stia ripagando di tutto ciò che hanno fatto per me" - confessa Lorenzo Insigne. Per me la maglia azzurra è un'emozione indescribile che si ripete ad ogni partita in casa, ho sempre un po' di carica in più da napoletano. L'importante è la continuità che abbiamo perso in quei 20 giorni dopo l'infortunio di Milik, è lì che si è compromesso il nostro campionato. Quindi bisogna proseguire così perché credo che la squadra abbia fatto un salto di mentalità nella seconda parte di campionato. Le nostre possibilità di migliorare passano nel subìre meno gol, quindi non è il caso di togliere un centrocampista per inserire un attaccante. Abbiamo poi sofferto per un periodo e poi la scelta di Mertens ci ha premiati. Noi dalla prima all'ultima partita daremo il massimo per arrivare ad un traguardo importante. "Se ci danno un rigore a favore o contro con la Var voglio sapere il nome di questo signore". A me interessa soprattutto allenare sul campo, non sono una figura da manager, non mi occupo di mercato, non ho conoscenza di tutti i calciatori del Mondo.

"E' un paragone con un allenatore che a Napoli ha significato tanto, un tecnico innovatore che era anni avanti a tutti come idea di calcio". Poi qualche parola sul presidente: "De Laurentiis?". Il calcio italiano è diverso dal calcio inglese, è difficile restare nella stessa società per tanti anni. Noi abbiamo posto grandi basi per crescere e migliorare. Giuntoli fa un grande lavoro e ci vado d'accordo in maniera straordinaria, mi fido di qualsiasi sua scelta. Per parlare di Scudetto è ancora presto, ma vogliamo dare tutto perché sappiamo che sarà un anno importante.

Allan: "Lo scudetto è un sogno ma dobbiamo pensare ad una partita alla volta, altrimenti rischiamo di cadere. Vogliamo dare continuità a quanto fatto l'anno scorso". Mercato? Abbiamo un direttore sportivo bravissimo, io gli parlo dei problemi di organico e lui conosce tutti i giocatori. "Stiamo lavorando per raggiungere un livello sempre più alto". "Con questa mentalità possiamo raggiungere grandi traguardi".


Popolare

COLLEGARE