Il post rimosso di Renzi "aiutiamoli a casa loro" autogol, ma riflettiamoci!

"E di aiutarli davvero a casa loro", si legge nel post incriminato che riprende un estratto dall'ultimo libro di Matteo Renzi, "Avanti".

Di fatto, Renzi è tornato sui suoi passi e tenta di frenare la "logica buonista" applicata sin qui chiedendo un tetto al numero di ingressi, rilanciando la posizione del centrodestra: "Aiutarli a casa loro". Che molto astutamente ha captato i punti deboli di una sinistra, che se vorrà vincere alle prossime politiche dovra' recuperare, sicurezza e migranti.

"Penso - ha aggiunto - che la cosa che ha scritto Matteo nel libro, che non ho letto, è una cosa che se uno la vuole leggere in modo onesto è ragionevole, se uno lo vuole leggere, e c'è chi lo fa, dicendo che aiutiamoli a casa loro vuol dire se vogliono venire a casa nostra li mitragliamo, alziamo un impossibile muro, li cacciamo, sarebbe piuttosto bizzarro".

In buona sostanza, gli accordi di Dublino non c'entrano affatto. "Non mi sembra che ci sia bisogno di diffondere dovunque questi Cie, dove rischiano di finire anche persone che avrebbero bisogno di essere difese dalla tratta della prostituzione, da forme di schiavismo, come sono quelle nei campi e in altre situazioni lavorative".

Duro anche Beppe Grillo contro l'ex sindaco di Firenze: "Cosa hai firmato? O tutti rispettano le regole o chiudiamo il rubinetto dei soldi".

E nella polemica sono entrati a gamba tesa diversi esponenti del centrodestra: da Forza Italia alla Lega Nord al Movimento Nazionale per la Sovranità.

Il segretario della Conferenza Episcopale Italiana poi aggiunge: "Lo Ius Soli si allontana?"

Ma alcune fonti della Commissione Ue freddano sia Gentiloni che Renzi, ricordando che si sta preparando un "ampio" piano di azione teso a "sostenere l'Italia e ad aumentare la solidarietà". Una crescita demografica esponenziale corrisponde ad una pressione migratoria sempre più incontrollabile ma Renzi non ha tuttavia compreso la realtà evidente e tangibile, bensì ha fatto un mero calcolo elettorale sconfessando e sbugiardando se stesso, con una giravolta che farebbe arrossire anche il Gianfranco Fini dei tempi migliori (o peggiori, s'intende).

Nel 2013 la popolazione dell'Africa era di 1,1 miliardi, nel 2025, nel giro di appena dodici anni, questa passerà a 1,5 miliardi.


Popolare

COLLEGARE