Genish nominato direttore operativo di Tim

Amos Genish, gradito a Vivendi che ne avrebbe voluto fare il capo azienda, è ancora vincolato dal patto di non concorrenza sul Brasile firmato con Telefonica quando il 1 gennaio 2017 ha lasciato la guida di Vivo per approdare il 4 gennaio a Parigi per sovrintendere la strategia di convergenza del gruppo tra contenuti, piattaforme e distribuzione. Lo ha garantito, durante la conference call con gli analisti, il presidente della società, Arnaud de Puyfontaine, all'indomani della presentazione dei risultati semestrali del gruppo e del Cda che gli ha assegnato ad interim le deleghe da amministratore delegato."Siamo pronti per il futuro", ha aggiunto il presidente di Tim e ceo di Vivendi, ringraziando Cattaneo "per i risultati di questi mesi" che hanno consentito alla telco di trovarsi "in una situazione migliore" rispetto al passato. A dover valutare una rosa di candidati sarà il cacciatore di teste Egon Zehndfer. Arnaud De Puyfontaine ha così commentato: i positivi risultati pongono le basi per un'ulteriore fasi di rilancio del gruppo.

Un'aggregazione di Tim con Mediaset "non fa parte del nostro programma".

Oggi il Board, chiamato anche ad approvare i conti del primo semestre, ha visto i primi sei mesi dell'anno che si sono chiusi con ricavi consolidati a 9,8 miliardi di euro (in crescita del 7,4% rispetto ai primi sei mesi del 2016). L'utile è di 596 milioni di euro e sconta oneri netti non ricorrenti per oltre 170 milioni mentre, viceversa, il primo semestre 2016 beneficiava della valutazione al fair value dell'opzione implicita inclusa nel prestito obbligazionario a conversione obbligatoria.

Sulla sua uscita di scena varie indiscrezioni ma per adesso nessuna è stata confermata.

Comprensibilmente si potrebbe anche ipotizzare che a Flavio Cattaneo non sarebbe affatto piaciuto assistere la nascita di un canale Pay fatto da Tim (di cui Bollorè è socio di maggioranaza) costringendo Telecom a partecipare in joint venture con Vivendi a finanziare l'operazione.


Popolare

COLLEGARE