Fondi della Lega, condannati i Bossi

Condannati anche suo figlio, Renzo detto "il trota" (1 anno e 6 mesi con una sanzione da 500 euro), e l'ex tesoriere Francesco Belsito (1 anno e 6 mesi con il pagamento di una sanzione pecuniaria da 900 euro). Il giudice monocratico ha condannato per appropriazione indebita anche l'ex tesoriere della Lega Francesco Belsito a 2 anni e 6 mesi. Il tribunale di Milano ha infatti accolto tutte le richieste avanzate dal pubblico ministero e ha così condannato Bossi, il figlio e Belsito per aver utilizzato i fondi destinati alla Lega Nord per scopi personali. Per una parte delle accuse sono stato assolto, altre sono diventate una tentata appropriazione. Le motivazioni verranno depositate entro novanta giorni. A Renzo sono stati addebitati più di 145 mila euro, tra cui migliaia di euro in multe, 3 mila euro per l'assicurazione auto, 48 mila euro per comprare un'Audi A6 e 77mila euro per la famosa "laurea albanese".

Secondo le indagini, come spiega Repubblica, tra il 2009 e il 2011, l'ex tesoriere si sarebbe appropriato di circa mezzo milione di euro e Bossi, invece, 208mila euro. "È solo il primo grado, andiamo avanti", questo il commento di Bossi jr. che ha ammesso: "Tornassi indietro non mi candiderei".

"La condanna a Bossi?". "Non ho nulla da rimproverarmi - ha aggiunto - ho creduto nel progetto del partito fino in fondo" ma se si andasse a votare domani, "vorrei vedere prima i programmi". È quel che si chiama appropriazione indebita. Per Belsito "la sentenza è ingiusta".


Popolare

COLLEGARE