Disoccupazione cresce a maggio all'11,3%: 51mila occupati in meno su aprile

A maggio il tasso di occupazione risulta al 57,7% in diminuzione di 0,1 punti percentuali. Per l'istituto nazionale di statistica ci sono 51 mila occupati in meno rispetto ad aprile e 141 mila in più rispetto al maggio 2016.

I dati cambiano ancora, dopo otto mesi positivi per l'occupazione, l'Istat ha registrato un nuovo calo nell'ambito del lavoro. Nonostante la flessione registrata nell'ultimo mese, nel periodo marzo-maggio si registra una crescita degli occupati rispetto al trimestre precedente (+0,3%, +65 mila), determinata dall'aumento dei dipendenti, sia permanenti sia a termine.

A maggio, però, è cresciuta anche la disoccupazione giovanile, che sale al 37% con un incremento di 1,8 punti da aprile. Sempre l'Istat segnala che l'incidenza dei giovani disoccupati sul totale dei giovani della stessa classe di età è pari al 9,4% (cioè meno di un giovane su 10 è disoccupato). Il tasso di inattività cala di 0,2 punti tra i 25-34enni, rimane stabile tra i 35-49enni e cresce di 0,1 punti tra gli over 50.

Questo calo congiunturale, che si rileva principalmente per gli uomini, interessa tutte le classi di età ad eccezione degli ultracinquantenni. Come per gli occupati l'aumento interessa i soli uomini ed è distribuito tra tutte le classi di età ad eccezione degli ultracinquantenni. Si tratta del tasso piu' basso registrato da marzo 2009. Lo comunica l'Istat. "Il tasso di disoccupazione torna ai livelli di fine 2012 dopo aver toccato il 13% a novembre 2014", spiegano dall'Istat. La disoccupazione più bassa si registra invece in Germania (3,9%) e a Malta (4,1%). Rispetto a un anno fa il tasso di disoccupazione a maggio e' calato in tutti gli Stati membri. Nella Ue c'erano 3,763 milioni di giovani (di eta' inferiore a 25 anni) disoccupati, di cui 2,622 milioni nella zona euro.


Popolare

COLLEGARE