Cagliari, picchia a sangue la fidanzata e si uccide credendola morta

Riccardo Madau, 25 anni, si è ucciso lanciandosi dal cavalcavia che porta allo stadio della squadra di calcio locale, il Sant'Elia.

Nei parcheggi, ferita in modo grave, è stata ritrovata la fidanzata, Manuela Picci, 26 anni di Assemini, ora ricoverata in gravi condizioni al Brotzu.

I due erano a bordo della Lancia Y, vicino allo stadio, ed avrebbero avuto una discussione violenta, iniziata in macchina e terminata in strada. La giovane ha tentato di fuggire, ma ha fatto qualche metro prima di cadere a terra senza sensi. A quel punto, forse preso dal panico, Madau, è fuggito. A far scattare l'allarme è stato il custode del nuovo stadio del Cagliari in costruzione proprio accanto al vecchio (che sarà demolito e ricostruito), allarmato dalle urla che aveva sentito arrivare dalla zona. Nel quartiere di Cagliari sono arrivati intanto gli investigatori della Squadra mobile che per iniziare le indagini. Manuela è stata soccorsa dal 118 e accompagnata al Brotzu: è in coma farmacologica e i medici mantengono la prognosi riservata. La polizia sta cercando di capire che cosa sia accaduto ascoltando i parenti e gli amici della coppia.


Popolare

COLLEGARE