Brescia, due molotov lanciate contro albergo che ospiterà profughi

Due molotov sono state lanciate all'interno di un albergo Eureka destinato ad ospitare 35 richiedenti asilo. È accaduto la notte scorsa a Vobarno, in provincia di Brescia all'interno dell'albergo, attualmente chiuso al pubblico, Eureka.

Con bastoni e molotov degli ignoti hanno assaltato la struttura alberghiera che era chiusa da quattro anni. Secondo chi indaga, l'attentato incendiario potrebbe essere un'intimidazione nei confronti del proprietario dell'immobile.

Riguardo alla possibilità di ospitare un gruppo di profughi, Ponchiardi sottolinea di non aver firmato alcun contratto e aggiunge: "Se questi profughi arriveranno, sarà solo perché l'albergo me l'hanno requisito".

È stato lo stesso titolare dell'albergo, Valerio Ponchiardi, ad intervenire per primo nel tentativo di spegnere le fiamme che stavano avvolgendo il pian terreno dello stabile. Sulla vicenda indagano i carabinieri. Secondo la prima ricostruzione dei carabinieri di Salò non ci sarebbero feriti, ma si registrano importanti danni alla struttura.

"Era stata avanzata un'ipotesi di utilizzo, ma al momento nessun accordo è stato trovato tra la cooperativa che gestisce gli stranieri e la proprietà dell' albergo".


Popolare

COLLEGARE