Siria: Mosca sospende intesa con Usa su sicurezza voli

Per Mosca "le azioni belliche di Washington violano il diritto internazionale" e per questo motivo, avvertono, "qualunque oggetto aereo, inclusi jet e droni della coalizione internazionale, identificato a ovest dell'Eufrate sarà seguito dai mezzi antiaerei russi, sia terrestri sia aerei, come bersaglio aereo nelle aree in cui l'aviazione russa è in missione di combattimento nei cieli siriani". Secondo un comunicato diffuso dalla coalizione Inherent Resolve, quella che include decine di paesi e che è impegnata nella guerra allo Stato Islamico sia in Siria che in Iraq, l'aereo siriano sarebbe stato abbattuto perché stava attaccando i curdi siriani, cioè una parte delle forze di terra alleate agli Stati Uniti nella guerra contro l'ISIS. Ieri, per la prima volta, gli Stati Uniti hanno abbattuto un aereo siriano che bombardava i combattenti della coalizione vicino Raqqa. Solo pochi giorni fa, gli americani avevano abbattuto un drone delle forze filogovernative nei pressi della base militare di al Tanf, dove sono stanziati i ribelli anti-Assad.

LAVROV - Il ministro degli Esteri russo, Serjey Lavrov, ha esortato gli Stati Uniti a evitare azioni unilaterali in Siria.

Mosca chiarisce che 'non abbatterà' gli aerei americani o quelli delle altre nazioni che prendono pare all'operazione Inherent Resolve, ma intende dimostrare che la sua posizione nei confronti della Coalizione è cambiata. In termini militari si chiama "dimostrazione di forza", cioè cercare di dissuadere il nemico dall'attacco, anche inviando messaggi radio. Il comando a stelle e strisce si è difeso, dichiarando che l'aereo aveva bombardato obiettivi pericolosamente vicini alle Forze Democratiche Siriane, le milizie curde coordinate da Washington nell'azione militare verso la principale roccaforte dell'Isis [VIDEO]. "La coalizione non punta a combattere con il regime siriano, la Russia o le forze pro-regime, ma non esiterà a difendere la coalizione e i suoi partner da ogni tipo di minaccia", spiegava una nota. Il pilota del jet è ufficialmente disperso. "La cooperazione con la parte americana nel corso dell'operazione in Siria è terminata", ha annunciato il ministero della Difesa di Mosca. Sempre ieri gli iraniani hanno lanciato dei missili contro unità del Califfato a Deir ez Zour, in Siria.


Popolare

COLLEGARE