Pisa, gioielliere rapinato spara muore uno dei banditi

Poco prima delle 20 a Pisa scatta in una gioielleria sarebbero entrati dei malviventi armati anche se non ancora non è chiaro se le armi fossero vere oppure no. Il gioielliere - secondo le prime ricostruzioni effettuate dai carabinieri e dalla polizia - avrebbe reagito sparando contro il malvivente uccidendo uno dei responsabili.

E' finita nel sangue una rapina in gioielleria a Pisa avvenuta nel tardo pomeriggio.

Non è la prima volta che il negozio viene preso di mira dai rapinatori: nel 1999 Ferretti era stato anche accoltellato da malviventi, finendo in prognosi riservata. Il titolare del negozio avrebbe fatto fuoco e ucciso uno dei due rapinatori, mentre l'altro è riuscito a fuggire e sarebbe ancora in fuga.

"Penso che l'unica vittima sia Daniele Ferretti che negli ultimi anni ha subito altre rapine. Solidarieta' a Daniele, lavoratore di 69 anni: ha fatto bene!". "Questo Paese e questa città devono cambiare perché non è possibile continuare a subire e vivere nella paura".

Hanno ricostruito così che quel 23 marzo i tre si aggiravano nei pressi della gioielleria già dalla mattina per effettuare il sopralluogo. Ferretti è un associato a Confcommercio e fa parte del direttivo degli ottici. Il veicolo sarà ora sottoposto ad analisi scientifiche per cercare di recuperare reperti utili all'identificazione del bandito rimasto ucciso e dei suoi complici.


Popolare

COLLEGARE