Mondiale Superbike: gara 1 a Misano a Tom Sykes

Marco, che in gara-1 era scivolato all'ultimo giro mentre era terzo e in scia a Davies e Rea poi caduti a loro volta, ha infatti fulminato le Kawasaki di Jonathan Rea e Tom Sykes, mai nel vivo di una gara animata nelle battute iniziali dalla fuga dei privati Xavi Fores (Ducati Barni) e Jordi Torres (BMW Althea). Il pilota britannico della casa di Akashi, dopo aver ottenuto nella mattina di sabato la pole position con il tempo di 1'33.662 realizzando il nuovo record della pista e migliorando di quattro decimi il precedente record da lui stesso realizzato lo scorso anno, vince una gara ricca di colpi di scena e di cadute. Per quanto riguarda quanto accaduto in gara al pneumatico posteriore di Michael Van Der Mark (Pata Yamaha Official WorldSBK Team), Giorgio Barbier, direttore attività sportive di Pirelli Moto, ha precisato che "a distanza di poche ore dalla gara gli elementi a nostra disposizione non sono ovviamente sufficienti per fornire una spiegazione strutturata e completa in merito a quanto successo al pneumatico posteriore di Michael Van Der Mark". In difficoltà, per una volta, le due Kawasaki, che comunque conquistano la seconda e la terza posizione (rispettivamente con Rea e Sykes).

Il leader del campionato Scott Deroue (MTM HS Kawasaki) ha passato la sua gara nel secondo gruppo e ha lottato per la top 7, ma ha concluso in dodicesima posizione e dopo questa gara l'olandese è sempre il leader, ma ha soli tre punti di vantaggio prima della pausa estiva. Un danno completamente differente rispetto a quello riscontrato sul pneumatico di Jonathan Rea, fermo restando il fatto che si tratta anche di due soluzioni diverse. Questo rinnovo vale per i prossimi tre anni. Ringrazio tutta la squadra, possiamo giocarcela così tutte le domeniche.

Fantastica vittoria di Marco Melandri, che fa suonare l'inno di Mameli a Misano.


Popolare

COLLEGARE