Anche il Parma diventa di proprietà cinese, il 60% al gruppo Desport

Dalla prima settimana di luglio il gruppo cinese Desport e il suo presidente Jiang Lizhang acquisiranno il 60% delle quote del Parma, neopromosso in serie B, diventando, a tutti gli effetti, i nuovi soci di maggioranza. Il 10% residuo delle quote, per i prossimi cinque anni, resterà sotto il controllo di "Parma Partecipazioni Calcistiche", l'azionariato diffuso dei tifosi ducali. "Sono recentemente entrati come azionisti di minoranza nella franchigia di Nba Minnesota Timberwolves ed hanno acquisito il Granada in Spagna dalla famiglia Pozzo e il club di Superleague Chongqing Lifan in Cina, oltre ad altre operazioni in corso di esecuzione". Vicepresidente un nome storico degli anni d'oro, Hernan Crespo.

L'annuncio è stato dato dal vicepresidente Marco Ferrari, che ha tenuto una conferenza stampa a Collecchio per spiegare la nuova situazione della società, appena promossa in Serie B, e dare i dettagli della trattativa che ha portato la cessione della maggioranza delle azioni al gruppo cinese.

Nel nuovo cda societario da nove membri (5 uomini scelti dalla Desports, 3 da Nuovo Inizio e uno dai tifosi), ci sarà anche uno dei più forti calciatori che hanno mai vestito la maglia gialloblù: Hernan Crespo, bomber argentino che vinse la Coppa UEFA col Parma nel 1998-99 e consulente della Desports, rivestirà l'incarico di vicepresidente e sarà l'uomo che farà da tramite fra la cordata cinese e quella emiliana. Desport è un gruppo serio, affidabile e desideroso di investire nel Parma che ha un certo appeal nei mercati asiatici fin dagli anni Novanta. "Già avvenuto l'ingresso al 30%, nella prima settimana di luglio il gruppo Desport arriverà al 60% e quello sara' l'assetto definitivo".

Nonostante il cambio di proprietà, però, ci sarà una continuità a livello dirigenziale e tecnico: Carra resterà in carica come amministratore delegato, Faggiano come direttore sportivo e D'Aversa sarà ancora l'allenatore dei crociati. "È una grande opportunità per la città e la squadra che in futuro potrebbe cullare ambizioni inedite negli ultimi quindici anni".


Popolare

COLLEGARE