Serie B, Pisa-Cittadella: formazioni ufficiali, se Gattuso non vince sarà Lega Pro

L'attaccante al 32' in sforbiciata prova a sorprendere il portiere ospite ma Salvi salva sulla linea, poco dopo ci prova Verna e trova la ribattuta di Valzania in angolo. Punizione troppo severa forse per il Pisa, per cui si riaprono le porte della Lega Pro. Al 61′ Masucci segna la rete del pareggio con un gran tiro dal limite dell'area servito da Varela. Dopo il vantaggio i veneti prendono campo e attaccano con maggiore convinzione, Masucci al 21′ prova a scuotere i suoi con una conclusione dalla lunga distanza che termina di poco alto sopra la traversa. Quando succedono robe così in una piazza come Pisa per ripartire serve gente che ha il veleno: "la squadra lo ha, ma nel calcio conta molto la testa e c'è da vedere quale sarà la reazione". Al 68′ Manaj raccoglie e conclude di controbalzo in seguito un cross dalla trequarti di Golubovic, ma la palla finisce alta.

La ripresa è più bella: dopo 15 minuti Musacci prende palla a centrocampo, si invola verso l'area granata, scambia con Varela e batte Alfonso con un preciso rasoterra. A determinare il successo dei veneti è stata la doppietta del giovane Vido, subentrato nel secondo tempo. I toscani, che proprio contro i pontini furono protagonisti della finale playoff della terza serie nel 2013, crollano in casa contro il Cittadella nel posticipo della quarantesima giornata e rimangono a -9 dalla Ternana, con solo due partite a disposizione. In pieno recupero arriva anche il poker firmato da Scaglia.

Pisa (4-3-3): Cardelli 6; Golubovic 5, Del Fabro 4.5, Lisuzzo 4.5, Longhi 5; Verna 5, Di Tacchio 5, Lazzari 5 (dal 78′ Gatto sv); Varela 6.5 (dall'83' Peralta sv), Masucci 6.5, Mannini 5 (dal 59′ Manaj 6).

Note: Abbonati 4085, paganti 2142, totale spettatori 6227 per un incasso di 53459,98 €.


Popolare

COLLEGARE