Milan, Fassone: "A luglio la squadra sarà quasi pronta"

"I prossimi bilanci, quindi, non saranno straordinari". Anche qui Fassone chiarisce la linea che verrà intrapresa: "Nell'ultimo anno abbiamo analizzato un calo sul monte ingaggi, legato anche al calo dei risultati sportivi". Speriamo in 3 anni di raggiungere questo target prefissato.

Intervistato a 'Sky Sport', Marco Fassone ha parlato del futuro prossimo dei rossoneri: "A luglio la squadra sarà quasi pronta, Montella avrà a disposizione i 2/3 della rosa ad inizio ritiro". Fassone ha poi aggiunto: "IL bilancio sarà brutto, negativo anche nel 2017 e 2018 e torneremo a vedere la luce tra tre anni perché il Milan investirà molto nella campagna di rafforzamento". Abbiamo la sensazione che aggiungendo giocatori di un certo livello, questo monte ingaggi aumenterà. Entro quattro anni vogliamo avere il nostro stadio.

Un Cda in cui sono emersi per la prima volta (e con un filo di ironia rivolto alla stampa) i profili economico finanziari della nuova proprietà, con il comunicato che parla di "un punto che ha appassionato tanti anche se non è un obbligo di legge". "Come ho accennato anche al sindaco, è intenzione del club di valutare per il futuro una modifica". Il primo passo e' alzare la media dei tifosi allo stadio, ora sta a noi riportare i nostri tifosi a San Siro. Contiamo di avere il doppio dei ricavi dello stadio di Torino, in una struttura da 55/60.000 posti. I cinesi, in queste prime settimane, hanno fatto intendere che ci saranno grandi cambiamenti: l'auspicio è sicuramente quello di rivedere i campioni nella Serie A. Immaginare un campionato di assoluto livello, con Juventus, Napoli, Roma e i club milanesi a battagliare non deve essere un'utopia, ma l'obiettivo per le prossime stagioni. "Quando siamo andati a parlare in questi mesi l'appeal del Milan è il numero uno in Italia ancora oggi", ha concluso Fassone.


Popolare

COLLEGARE