La Corea del Nord rivendica il successo del nuovo lancio missilistico nucleare

Dal canto suo, il capo di Gabinetto Yoshihide Suga ha confermato che il missile è rimasto in volo per circa 30 minuti, percorrendo una distanza di 700 chilometri e precipitando nel mar del Giappone, fuori dalla zone economica esclusiva (ZEE), le 200 miglia nautiche dalle linee di base. Non è chiara però l'intenzione del lancio: se l'intenzione di Pyongyang fosse davvero di farlo inabissare nel Mar del Giappone, oppure se sia caduto per sbaglio. Pyongyang "deve attenersi ai suoi obblighi internazionali: deve interrompere questi lanci e abbandonare il suo programma di missili balistici in modo completo, verificabile e irreversibile", ha sottolineato il portavoce Ue.

Di rilievo, inoltre, le posizioni espresse dalla Cina (alleata della Corea del Nord) e dalla Russia, preoccupate dell'aumento della tensione. Neel Nehta, informatico di Google, ha pubblicato dei codici informatici che mostrano analogie tra il virus "Wannacry" e altre azioni di pirataggio attribuite alla Corea del Nord.

La Corea del Nord ha lanciato un nuovo missile balistico intorno alle 5.27 del mattino (ora locale), il settimo dall'inizio dell'anno e a meno di una settimana dall'elezione del presidente sudcoreano Moon Jae-in. Al lancio era presente il giovane leader del regime, Kim Jong-un, il quale ha spronato scienziati e tecnici a "non sedersi sugli allori" e lavorare a ulteriori "armi nucleari e metodi di lancio" fino a che gli Usa "non facciano la scelta giusta". Gli esperti considerano il test come il più efficiente mai realizzato dalla Corea del Nord. Il leader di Pechino - riporta Ansa - che ha incontrato Vladimir Putin a Pechino ai margini del "Belt and Road Forum for International Cooperation" (che si è aperto proprio ieri), ha dichiarato che i due Paesi hanno sempre svolto un "ruolo di equilibrio" per la stabilità della pace, perché "la questione va risolta politicamente". La Corea del Nord aveva condotto test missilistici anche poco dopo l'insediamento di Donald Trump a presidente degli Stati Uniti. Forse anche per questa ragione il comunicato della Casa Bianca sul test missilistico cita esplicitamente la Russia, una cosa abbastanza inusuale. "E' il messaggio che deve venire molto chiaramente dalla comunità internazionale - ha proseguito Gentiloni - ne parleremo anche al G7 di Taormina". Il risultato è stata una netta opposizione, anche se da Seul è stata comunque mostrata la disponibilità al dialogo.


Popolare

COLLEGARE