Giro, sull'Etna trionfa lo sloveno Polanc: Jungels nuova maglia rosa

Arrivato con gli altri favoriti, Bob Jungels (Quick-Step Floors) indossa la maglia rosa. La sua fuga per la vittoria è partita dopo solo un paio dei 181 chilometri della 4ª tappa: lo sloveno si è trovato al fianco di Eugenio Alafaci (Trek Segafredo), Jacques Janse Van Rensburg (Dimension data) e Pavel Brutt (Gazprom Rusvelo).

"Sono felicissimo, dopo il 2015 ho vinto di nuovo il primo arrivo in salita", ha detto Polanc ai microfoni Rai dopo il trionfo. A partire dalla nona tappa (che terminerà in cima al Blockhaus) lo Squalo avrà altro terreno - ben più favorevole - per riprovarci.

Dopo le prime tappe adatte ai velocisti, e il giorno di riposo per raggiungere lo stivale dalla Sardegna, il Giro d'Italia 2017 inizia a fare sul serio. Siamo pochi corridori e la Federazione può concentrarsi sui singoli atleti facendoli crescere molto. Una maglia arrivata di fatto con la spettacolare azione di squadra compiuta domenica, che aveva visto proprio Jungels tra i principali fautori. Il mio obiettivo è tenere il più a lungo possibile la Maglia Rosa, ci sono ancora tappe fondamentali per gli scalatori e io cercherò di difenderla come possibile nelle tappe a cronometro. Infatti nella prima parte i corridori passeranno per le pendici dell'Etna, ma negli ultimi 60 km dopo il passaggio da Taormina, sarà tutto piatto.

Due dei principali outsider per la vittoria finale confermano la loro eccellente condizione, già messa in evidenza peraltro al Tour of the Alps che avevano concluso rispettivamente primo e secondo. È da tanto tempo che penso a questa tappa, da quando sono venuto qui con il mio team per un training camp. Ho lottato per essere nella prima parte del gruppo, ma sono riuscito a rimanere tranquillo e concentrato sul mio obiettivo.


Popolare

COLLEGARE