Voti Inter-Milan 2-2, il tabellino del derby

La distanza in classifica resta invariata e il Milan rimane avanti di due punti al sesto posto: i derby stagionali si chiudono in perfetta parità.

Un pareggio tanto incredibile quanto meritato per il Milan, che all'ultimissimo respiro (97′) riesce a segnare il 2-2 con Zapata (convalidato grazie alla tecnologia) e quindi a compiere una rimonta al cardiopalma. Se lo 0-2 del primo tempo non rendeva giustizia per le tante occasioni create ma sprecate - capitate soprattutto sui piedi di Deulofeu e Bacca -, il pari definitivo riequilibra una partita che il Diavolo ha ottimamente approcciato e concluso, firmato dai suoi difensori centrali: era stato Romagnoli, infatti, al primo gol in rossonero, a riaprire i giochi all'83'. Il ritmo dell'Inter si alza e Perisic diventa imprendibile per Calabria: sull'invito del croato piomba come il famelico Icardi che interrompe l'inconsueto digiuno dal gol firmando il tap-in del raddoppio. Sul ribaltamento di fronte è poi De Sciglio a salvare tutto sul suggerimento di Icardi che avrebbe messo Candreva faccia a faccia con Donnarumma.

Mauro Icardi guiderà come al solito l'attacco e i tifosi gli chiedono a gran voce il primo gol in un derby.

Fra i rossoneri Deulofeu predica nel deserto anche nella ripresa e al 65' si vede negare il gol con un destro a giro da un super Handanovic. Il Milan ha trovato la rete dell'1-2 all'83' con Romagnoli che su un cross dalla destra di Suso ha spinto prepotentemente in rete beffando sul primo palo Handanovic. Quando gli viene detto che la squadra è apparsa molle, non ci sta: "Parlare di squadra molle non lo accetto". Si stanno facendo delle valutazioni ma secondo me è un errore, perché dovrebbero essere fatte solo a fine stagione. "Deve pensare a lavorare per il Milan, noi siamo l'Inter e vogliamo sempre vincere in maniera corretta". Il tecnico nerazzurro ha così risposto: "Credo che Montella parli troppo spesso degli avversari, credo che sia un bravo allenatore ma che debba pensare alla sua squadra". Poi il tecnico passa ad analizzare la gara: "La prima mezz'ora è stata buona, superiore all'Inter". Poi gli abbiamo permesso il pareggio, ora non possiamo tornare indietro. L'avevamo gestita bene, ma le due palle inattive che ci hanno condannato porteranno a dire il contrario.


Popolare

COLLEGARE