USA, inflazione delude: -0,3% a marzo. Tutti i dati

Caro Nordest. E' nei capoluoghi delle nostre regioni che l'Istat a marzo ha registrato gli aumenti dei prezzi più elevati su base annua, ma quasi tutti in calo rispetto al mese precedente con la sola Venezia (+1,6%) eccezione nel panorama nazionale e quindi in crescita rispetto a febbraio (al pari di Firenze).

(Teleborsa) - L'inflazione in Germania rallenta dai massimi degli ultimi quattro anni e mezzo raggiunti a febbraio, come rilevato dai dati preliminari condotti sul monitoraggio dei Lander. Su base annua la crescita dell'inflazione è stata del 2,4% in calo rispetto al 2,7% precedente. Il dato sull'indice dei prezzi al consumo ha deluso le attese degli analisti che puntavano su una progressione dello 0,1%. Lo rivela l'Istat nei dati definitivi del mese, spiegando che i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona diminuiscono dello 0,9% su base mensile e registrano un aumento del 2,3% su base annua (era +3,1% a febbraio).

Nuovi strumenti creativi e 200 milioni di utenti per Instagram Stories
Selfie sticker è ad esempio la soluzione che permette di trasformare un tuo selfie in uno sticker da utilizzare nelle Storie . Gli utenti potranno toccare e tenere premuto lo sticker , spostarlo sopra un oggetto e confermare toccando "Fissa".

I prezzi dei beni e servizi "core", ovvero l'indice depurato dalle componenti più volatili quali il settore alimentare e quello dell'energia, sono rimasti stabili dopo il +0,3% precedente e contro il +0,2% atteso.

"L'indice nazionale dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI), al netto dei tabacchi, non varia su base mensile e registra un aumento dell'1,4% nei confronti di marzo 2016".


Popolare

COLLEGARE