Pd: Renzi, lavoro governo va difeso

"Non utilizziamo le parole di Mdp e Ap: la parola 'crisi di governo' non la vogliamo sentire pronunciare. Ma non si può tornare al linguaggio della Prima Repubblica".

E' proprio sul terreno della legge elettorale che Renzi prova a rilanciare chiedendo polemicamente a chi ha eletto Torrisi alla guida della Commissione Affari Costituzionali di Palazzo Madama di fare una proposta. E ha aggiunto: "Sono seriamente preoccupato per lui".

Hamsik a meno tre da Maradona, 25esima vittoria stagionale (anche se inutile)
Ci ha guadagnato ancora la Juve che, lo ripetiamo, ha voluto solo evitare di perdere e non e' apparsa certo nella migliore serata.

Matteo Renzi è tornato a chiedere le elezioni anticipate in modo esplicito, mentre i dirigenti del PD hanno richiesto un intervento del presidente della Repubblica su un caso apparentemente minore, che però rischia di provocare la caduta del Governo Gentiloni.

Pur essendo in netto vantaggio nei sondaggi sulle primarie del 30 aprile, Renzi poi ha avvertito che "se non vinciamo noi è un casino con gli altri", riferendosi al ministro della Giustizia Andrea Orlando e al presidente della Puglia Michele Emiliano. La presidenza della commissione Affari costituzionali al Senato è uno degli organismi più importanti per l'ultimo periodo della legislatura. La commissione Affari costituzionali ha il compito di esaminare la nuova proposta, e il PD non reputa possibile approvare una riforma delle versioni di Italicum e Porcellum modificate dalla Consulta senza un presidente di sua competenza.


Popolare

COLLEGARE