Morto Giorgio Guazzaloca, ex sindaco di Bologna: era malato da tempo

Bologna dice addio a Giorgio Guazzaloca, il primo sindaco della città emiliana a non appartenere ad un partito di sinistra è infatti morto questa mattina in ospedale a causa di una grave malattia allo stato terminale. Era stato alla guida del capoluogo emiliano per un mandato, dal 1999 al 2004, con la lista civica sostenuta dal centrodestra "La Tua Bologna".

Già presidente dell'Ascom e della Camera di Commercio, nel 1999 era stato eletto sindaco, dopo aver sconfitto di misura, alla guida di una lista civica con il sostegno dei partiti di centrodestra, la candidata della sinistra Silvia Bartolini.

"La sua vittoria nel 1999 e il suo diventare il primo sindaco del dopoguerra non eletto nelle file del centrosinistra rappresentò - come tutti ben sappiamo - un fatto eclatante, tale da finire addirittura sul New York Times". Uno choc che ha fatto bene alla vita democratica della nostra città. Venerdì 28 aprile, dalle 9 alle 18, nella Sala Rossa di Palazzo d'Accursio, sarà allestita la camera ardente mentre i funerali si terranno sabato 29 aprile in San Pietro. Oggi voglio ricordarlo con il rispetto che si deve a chi ha saputo dare il suo prezioso contributo alla crescita di Bologna. Così la Presidente del Consiglio comunale, Luisa Guidone. I risultati elettorali del primo turno vedono Guazzaloca al terzo posto, con il 12% dei voti: escluso dal ballottaggio tra Delbono e Cazzola, l'ex sindaco preferì non schierarsi apertamente. "Giorgio si è spento alle 14.29 all'ospedale Sant'Orsola, con il conforto dei suoi cari", ha comunicato la sua famiglia in un messaggio pubblico che ha annunciato la scomparsa dell'ex sindaco.

CASINI: "SE NE VA UNA PARTE DI BOLOGNA" - "Un dolore immenso che ci sovrasta, è una parte di noi e della nostra città che se ne va".


Popolare

COLLEGARE