Montella: "Futuro? Ho un contratto, ma i matrimoni si fanno in due..."

I tifosi vogliono tornare in alto e per questo ci sentiamo addosso delle responsabilità. Sul closing del club ha fatto capire di non sapere se e quali ripercussioni avrà per lui. "Questo glorioso club inizia un nuovo capitolo - afferma - Il successo della transizione è stato reso possibile dal profondo amore dei tifosi del Milan, dagli sforzi dei partner". In questi mesi di irritante closing/non closing, l'amministratore delegato Marco Fassone ha funzionato da ideatore del tramite tra i fondi cinesi che hanno prelevato il Milan ed un complesso di figure che ne agevoleranno l'efficacia. Ma ieri ha potuto percepire che la nuova proprietà non è qui per ragioni di business e speculazione. Prima il proprietario, con un vero e proprio comunicato striminzito. Abbiamo preferito di restare dietro le quinte. Dal punto di vista della comunicazione la relazione sarà diversa da ora in poi.

Le parole di Yonghong: "Desidero ringraziare Silvio Berlusconi e Fininvest per la fiducia riposta in noi. E' sicuro di aver consegnato il Milan in mani giuste". Sono le nostre priorità. L'obiettivo dei prossimi anni è quello di costruire un Milan molto competitivo e ambizioso.

Anche il futuro di Vincenzo Montella non è in discussione: "Rispondo volentieri a questa domanda, ha tutta la nostra stima e il nostro apprezzamento". "E' follia immaginare una transazione da oltre un mld di euro senza indebitarsi, e la parte debitoria è inferiore a quella di altri club", aggiunge. Siamo il Milan, non abbiamo la possibilità di dire "piano piano". Si è parlato innanzitutto di obiettivi: "Prima di tutto è molto importante per noi tornare in Champions League. Voglio portare a Milanello le migliori competenze, arrivo con grande apertura". Nel prossimo futuro Fassone e Mirabelli incontreranno l'Aeroplanino e faranno finalmente luce sul mistero. "L'obiettivo è arrivare all'inizio della prossima stagione con tutte le caselle a posto". Il destino fa gli scherzi che vuole: stanotte ricordavo che un Inter-Milan è stata anche la mia ultima partita da dirigente sportivo. "Vogliamo fare una squadra forte", è la sfida che lancia Fassone. A Milano ci sono due squadre molto simili per dimensioni e ambizioni, dobbiamo mettere insieme le idee di soggetti diverse, da lì in poi i tempi potrebbero essere più rapidi. Vogliamo giocare in uno stadio adatto a questi anni. Come azionisti daremo sempre totale supporto al club, e sul piano commerciale faremo in modo di sviluppare il marchio anche sul mercato cinese.

Possibile vita Aliena su Europa — NASA
In conferenza stampa, la Nasa ha aperto uno scenario affascinante, anche se ancora tutto da studiare. Pennacchi di vapore si alzano dal Polo Sud di Encelado .

"La gioia più grande?" E quindi sul 'derby della Madonnina' che andrà in scena alle 12.30 di sabato, in quel di San Siro.

L'era del Milan di Li Yonghong si apre con un derby che può valere l'Europa League.


Popolare

COLLEGARE