Milan, Berlusconi: "Lascio con dolore ma servono risorse"

È dunque andato a buon fine il closing con la Fininvest che, a fronte del versamento con cui è stato completato il pagamento, ha ceduto il 99,93% delle azioni alla società lussemburghese Rossoneri Sport Investment Lux, creata ad hoc dall'investitore cinese. Nel giorno dell'acquisto del Milan Yonghong Li, nuovo patron rossonero, ha parlato ai media cinesi: "Ringrazio Berlusconi e Fininvest per la fiducia e i tifosi per la pazienza, da oggi costruiamo il futuro. Passo dopo passo torneremo sul tetto del mondo", ha subito detto Li Yonghong al termine dell'operazione mentre Silvio Berlusconi ha espresso "dolore e commozione" per la cessione.

"La finalizzazione odierna dà piena esecuzione al contratto di compravendita firmato dall'amministratore delegato di Fininvest, Danilo Pellegrino, e da David Han Li, rappresentante di Rossoneri Sport Investment Lux, il 5 agosto 2016 e rinnovato il 24 marzo scorso", scrive il Milan in un comunicato ufficiale. Il Milan è stato ceduta al cinese Li Yonghong, formalmente nuovo proprietario del Milan.

Londra: giallo sulla morte di Francesca
Una ragazza italiana, Francesca Bisco , 24enne delle provincia di Rovigo, è stata trovata senza vita in un appartamento di Londra .

Silvio Berlusconi non si può considerare un presidente di calcio, ma il Presidente di calcio. Prima di tutto, naturalmente, i grandi tecnici e i grandi campioni che hanno reso possibile queste imprese che rimarranno per sempre nella storia del calcio. Ai successi di squadra, però, vanno aggiunti anche i riconoscimenti ai singoli campioni che in questi 31 anni hanno vestito la maglia rossonera, facendola diventare una delle più prestigiose al mondo. Il nostro obiettivo è che sempre più tifosi possano amare AC Milan.

L'ex presidente nerazzurro ha quindi continuato la sua disamina, provando a spiegare cosa si prova ad essere alla guida di un club calcistico di importanza internazionale: "Fare il presidente era adrenalina, tutto quello che fa parte di una posizione socialmente così importante come quella di un responsabile di una squadra di calcio: e quello ti manca". Ho negli occhi e nel cuore mille momenti nei quali le testimonianze di affetto dei nostri sostenitori sono state straordinarie e commoventi. Non dimenticherò mai tutte le persone grazie alle quali ho avuto il privilegio di presiedere il Club che ha vinto così tanto -prosegue Berlusconi -. E i dieci anni passati dall'indigestione del 2007 - Champions' League, Supercoppa europea e mondiale club - sembrano cento.


Popolare

COLLEGARE