Formazioni Napoli-Juventus, Allegri: "Almeno 7 o 8 cambi"

Sulla trequarti si prevede che Stefano Sturaro rimpiazzi l'infortunato attaccante croato Mario Mandzukic sulla sinistra, mentre Juan Cuadrado e Paulo Dybala cominceranno a giocare dal 1° minuto.

Magari anche 6-7, ma dipende sempre dall'allenamento di oggi. Sabato abbiamo il Chievo e non possiamo sbagliare. Oggi dovrò valutare e poi dovrò decidere, visto che poi abbiamo una partita mercoledì, e abbiamo poi tante partite.

"Vogliamo raggiungerla per la terza volta di fila e cercare di vincerla". Capisco le critiche dopo la partita di domenica, ma bisogna considerare anche gli avversari, altrimenti si gioca contro le sagome. Nel calcio ci sono due concetti fondamentali: se hai la palla attacchi, se non hai la palla ti difendi. Vogliamo la Coppa Italia, non sarà semplice perché sarà una gara aperta. Lo hanno fischiato per metterlo in difficoltà.

Massimiliano Allegri ai microfoni Rai nel postpartita di Napoli-Juventus: "Stasera la squadra ha giocato molto bene, almeno fino all'incidente del 2-2 che può capitare". Neto è stato un po' sfortunato, ma ha fatto anche degli interventi importanti.

Cosa ci sarà di diverso rispetto al campionato? Al San Paolo sarà turnover: "Potrebbero esserci anche 7-8 cambi" azzarda Allegri. "Non devo spremere nessuno fino alla fine". Non so come si comporteranno i tifosi napoletani, lui è molto sereno. Sto bene qui, ci sono ancora priorità prima per la società prima di incontrarmi.

La Juve è in vantaggio dopo il risultato dell'andata ma questo non deve tranquillizzare i giocatori bianconeri: "Il 3-1 non è il 2-0".

IL BEL GIOCO IN ITALIA NON PAGA - Vincere e non divertire, perchè come recita un vecchio motto tanto caro agli sport made in USA: "l'attacco vende i biglietti, ma le difese riempiono le bacheche". Non era facile giocare e mi aspettavo facesse una prestazione peggiore, in quello che ha fatto si vede che sta bene" e su Lemina, un po' criticato nel post gara della sfida di campionato: "Domenica ha fatto una buona gara.

Non abbiamo mai avuto stasera la sensazione che la qualificazione fosse in bilico.


Popolare

COLLEGARE