Fabri Fibra contro Fedez. Guerra tra rapper

Intanto il 7 aprile esce il nuovo album del rapper, "Fenomeno": in un'intervista al Corriere della Sera, il cantante senigalliese ha parlato del nuovo album in cui vi sono riferimenti, non lusinghieri, anche alla sua famiglia, al fratello Nesli e al collega Fedez.

Arriva "Fenomeno", il nuovo disco di Fabri Fibra, che prende in giro tutti quelli che attraverso i profili social puntano proprio ad essere fenomeni.

Facebook, arriva l'icona a forma di razzo: ecco a cosa serve
L'ultima novità identificata in questi giorni riguarda l'introduzione di una nuova icona a forma di razzo spaziale presente nell'app mobile su Android e iOS .

Tra le tracce di Fenomeno, ascolteremo anche Ringrazio che tra i suoi versi racconta delle situazioni difficili vissute in famiglia tra botte "fino a quando non usciva il sangue" e "cattiverie per farmi male". Che già dai titoli, dicono molto. I ticket sono in vendita al prezzo di 34€ per posto unico. Non c'è pace per Fedez che litiga con Gue Pequeno e Marracash, poi viene attaccato perfino da Chef Rubio ed ora anche dal collega Fabri Fibra. La scena rap italiana è desolante: "I rapper di oggi non hanno contenuto - spiega - perché hanno accettato la sconfitta della società e parlano solo di moda". Non credono più a nulla, del resto dopo 20 anni di Berlusconi non è rimasto nemmeno uno slogan. "Preferisco i tuoi primi testi/ Non avevi tutta la pressione che adesso ti mette mamma/ E sentirti parlare d'amore un po' mi stanca". "conclude - Non parlo di Fedez che prende i soldi dai vecchi della tv, ma in ogni circo serve una scimmia che balla". In ognuno di questi è forte il suo pensiero, le sue esperienze e le sue convinzioni. Come quando era ragazzo e in famiglia dovevano "salvare la facciata quando c'era la guerra mondiale in casa".

"A differenza dei vari Michele Bravi che non hanno idea di cosa fare ma si vedono bene a farlo e allora fanno quello che gli dicono i vecchi, i rapper (e i cantautori indie) sono self made man che cercano di spodestare chi c'è", continua l'artista.


Popolare

COLLEGARE