Corteo 25 aprile, Anpi in difesa della Brigata Ebraica

La presenza della sindaca, ha sottolineato il segretario romano dell'Anpi, Fabrizio De Sanctis, "è importante per riaffermare la natura antifascista delle istituzioni".

Manca una settimana al 25 aprile e come ogni anno a Milano verrà organizzato un corteo per celebrare il giorno della Liberazione che si concluderà in piazza Duomo con l'intervento, tra gli altri, del Presidente Nazionale dell' Anpi Carlo Smuraglia e del Presidente del Senato Pietro Grasso. La commemorazione, dunque, ci sarà; ma sarà debitamente "controllata" dalle forze dell'ordine. "Sono sicuro che la loro partecipazione - ribatte De Sanctis - sarebbe stata rispettata da tutti". Così la presidente della Comunità Ebraica di Roma Ruth Dureghello, annunciando che la Comunità non parteciperà al corteo dell'Anpi, dove sfileranno rappresentanti palestinesi. Nonostante l'invito sia stato inviato più di 20 giorni fa, tarda ad arrivare anche la risposta di partecipazione al corteo Anpi dal sindaco di Roma Virginia Raggi.

E anche il Pd capitolino non sarà alla manifestazione dell'associazione dei partigiani.

California, uccide tre persone al grido "Allah è grande": arrestato
Il guidatore ha quindi accelerato fuggendo e dirigendosi verso una vicina stazione della polizia. Stessa espressione che gli investigatori hanno trovato su un tweet postato dall'assassino.

A Roma quello che l'Anpi vorrebbe fosse un 25 aprile "all'insegna dell'unità" rischia di passare alla storia come la manifestazione con più divisioni. Non si partirà più dal Colosseo ma dal parco dei Caduti della Montagnola, passando attraverso quartieri popolari e popolosi come Ostiense e Garbatella e arrivando sempre a Porta San Paolo. Quest'anno niente manifestazione unitaria per il 25 aprile a Roma.

9 su 10 da parte di 34 recensori 25 Aprile.

Senza alcun senso della vergogna, la più importante associazione partigiana, ha ancora una volta messo sullo stesso piano i rappresentanti di un popolo che ha subito lo sterminio, che nella città di Roma subì la deportazione del 16 ottobre del 1943, con chi in quegli anni andava a braccetto con Hitler. Spiega il segretario Anpi Fabrizio De Sanctis che conclude "Non vuole essere una celebrazione retorica e rivolta solo al passato". "La Brigata Ebraica fu un corpo militare inquadrato nell'esercito inglese composto da ebrei che vivevano nelle colonie sotto il mandato britannico nell'odierna Israele", si legge nella nota. Una pagina di coraggio che ancora pochi oggi conoscono ma che ha rappresentato un contributo fondamentale per liberare il nostro Paese dal nazifascismo. "In tutta Italia il 25 aprile sarà dedicato al 70/mo anniversario dell'approvazione della Costituzione".


Popolare

COLLEGARE