Corea del Nord, Pence: "Finita era pazienza strategica, pronti a ogni mezzo"

Parola del vice presidente degli Stati Uniti, Mike Pence, che ha visitato la zona demilitarizzata che separa le due Coree, in uno dei momenti di massima tensione dello scacchiere asiatico. "Pence ha precisato che l'obiettivo è garantire la sicurezza attraverso gli sforzi diplomatici, ma che "'era della pazienza strategica" dell'amministrazione Obama "è finita". La Corea del Nord ha l'abitudine di effettuare test missilistici per segnalare importanti ricorrenze, come sabato il 105esimo anniversario della nascita del fondatore della nazione Kim Il-Sung, o in segno di sfida quando alti funzionari Usa visitano al regione. Subito dopo, in una conferenza stampa con Pence, il premier sudcoreano Hwang Kyo-ham, che svolge funzioni presidenziali dopo l'impeachment della presidente Park Guen-hye, ha annunciato che Seul e Washington hanno deciso di anticipare il dispiego dello scudo antimissile Thaad. Ieri in un tweet Trump ha affermato che la Cina sta lavorando con gli Usa per risolvere "il problema nordcoreano". Pence, che parlava pochi metri dalla linea di demarcazione militare che ha descritto come "una frontiera di libertà" ha detto che il rapporto tra America e Corea del Sud è "ferrea, immutabile". Pence, figlio di un reduce della Guerra di Corea (1950-53), del quale conserva la stella di bronzo in ufficio, fra l'altro deporrà una corona di fiori al Cimitero nazionale della capitale sudcoreana e poi si unirà alle truppe americane e sudcoreane per la messa pasquale e i festeggiamenti.

Gli Stati Uniti stanno dunque valutando "una serie di opzioni" in risposta a quello che considerano uno schema provocatorio della Corea del Nord "per agire in modo da evitare il peggio". "Tutte le opzioni sono sul tavolo", ha poi aggiunto, ribadendo la decisione degli Stati Uniti di contrastare il programma nucleare e missilistico di Pyongyang.


Popolare

COLLEGARE