Calcioscommesse a Messina Di Napoli sarebbe il capofila

L'inchiesta della Procura su quattro partite dei giallorossi nella passata stagione, che ha portato a ben quaranta indagati, ha comunque scosso l'ambiente giallorosso.

Il fascicolo è affidato al sostituto procuratore Francesco Massara, che una volta acquisito l'ulteriore informativa dei finanzieri potrebbe cominciare ad interrogare le persone coinvolte e sospettate di aver gestito le "combine". Al centro dell'inchiesta ci sarebbe il Messina, al quale vengono contestate tre gare nello specifico: Casertana - Messina, giocata il 21 dicembre del 2015, finita col risultato di 4-1; Messina - Martina Franca, giocata il 9 gennaio successivo e 3-0.

Samsung Galaxy S8: tutto quello che è stato presentato pochi minuti fa!
Si tratta di un'idea che è passata nella mente del produttore sudcoreano ma che poi è stata abbandonata nel corso dei mesi. Tuttavia, ci permettono di apprezzare ancora di più quanto abbiamo avuto modo di vedere nella presentazione ufficiale.

Un'indagine di estese dimensioni ha coinvolto calciatori, scommettitori e commercialisti. "Re Artù" era all'epoca delle partite l'allenatore del Messina. Il ko del Messina con il Benevento, ossia il 5-0 subito il 16 gennaio, e l'incontro con la Paganese del 14 febbraio, sempre del 2016, finito 2-2. Secondo la Procura Arturo Di Napoli sarebbe il perno princpale del giro di scommesse da migliaia di euro a partita.

Sui fatti di queste ultime ore la società siciliana ha pubblicato un comunicato sulle pagine del proprio sito: "L'Acr Messina, in relazione alle notizie di stampa pubblicate oggi circa sviluppi dell'indagine riguardante il calcioscommesse nella stagione sportiva 2015/2016, esprime massima fiducia nell'attività degli investigatori e della giustizia".


Popolare

COLLEGARE