Barcellona, Mascherano: "Se giochiamo per il pari perdiamo di sicuro"

Andata dei quarti di finale di Champions League: martedì 11 aprile 2017 va in scena Juventus-Barcellona, calcio d'inizio alle ore 20:45. Ma la Juventus, soprattutto, in questi ultimi mesi preoccupa parecchio.

Arbitra il polacco Szymon Marciniak. "Messi è il numero uno al mondo e lo è ancora". La Juventus dovrà giocare bene all'andata, cercare di vincere a Torino. Saranno 685 gli addetti ai lavori dei media accreditati alla partita tra stampa, giornalisti e tecnici di tv no rights holders e rights holders UEFA, radio e fotografi, per un totale di 250 giornalisti e 137 testate presenti.

Chiunque non abbia la possibilità di guardare il match di fronte alla TV, Mediaset offre la possibilità di collegarsi al sito ufficiale di Mediaset Live e da qui scegliere Canale 5 per guardare la partita su qualsiasi dispositivo, che sia computer, smartphone o tablet, in maniera del tutto gratuita ovviamente. La Juventus ha giocato bene sotto tutti i punti di vista. I catalani vantano il miglior attacco della Champions, la Juventus la miglior difesa. Sono in 2.300 ad avere invaso il centro di Torino, mescolandosi con i supporter bianconeri nell'attesa di raggiungere lo Stadium.

Juventus Barcellona streaming gratis e diretta online. Sarà importante non prendere gol all'andata, per giocarsi poi il passaggio del turno in Spagna, al ritorno, che è in programma la settimana prossima, il 19 aprile. Un dato interessante, analizzando le statistiche di quello storico 6 giugno 2015, è che molti giocatori del Barcellona saranno di nuovo in campo. Ventitrè convocati. Mandzukic è pienamente recuperato e giocherà dal primo minuto. Stavolta però ci sarà: sarà la prima volta che si ritroverà di nuovo davanti Suarez dopo il famoso morso che gli diede l'attaccante uruguaiano durante il Mondiale del 2014, quando la Celeste eliminò l'Italia dalla competizione. Se andiamo ancora più indietro nel tempo possiamo notare che nella finale 2011 vinta contro il Manchester United, il blocco Barca comprende ancora Piqué, Mascherano, Buquets, Iniesta e Messi così come nella finale del 2009 di Roma (tutti tranne Mascherano) vinta sempre contro lo United.

Massimiliano Allegri, privo del lungodegente Pjaca, sembra aver risolto a beneficio di Alex Sandro l'unico dubbio che aveva: dovrebbe dunque essere il brasiliano a coprire l'out sinistro della difesa a quattro, scelta un po' sorprendente dal momento che a destra tutto lascia presupporre che trovi spazio dal 1' il grande ex Dani Alves, parimenti votato all'offensiva. A disp. Neto, Lichtsteiner, Benatia, Asamoah, Marchisio. All.


Popolare

COLLEGARE