Attacco Usa in Siria, Mosca: "Aggressione". Londra: sostegno a Trump

Ma la reazione di Mosca non si è fatta attendere: secondo il presidente Vladimir Putin, Washington ha compiuto "un atto di aggressione contro uno Stato sovrano", che comporterà "un danno notevole ai rapporti tra Usa e Russia, già in uno stato deplorevole". Anche l'Iran ha condannato l'attacco americano sulla Siria: "Un'azione unilaterale è pericolosa, distruttiva e viola i principi del diritto internazionale", ha detto il portavoce del ministero degli Esteri. "Chiedo a tutte le nazioni civilizzate di unirsi a noi per far cessare questo bagno di sangue e questi massacri in Siria e per porre fine al terrorismo di ogni tipo". Hanno colpito una base aerea chiamata Shayrat nella provincia di Homs, che è il sito da cui si crede siano decollati gli aerei che hanno condotto l'attacco chimico in Idlib.

L'attacco voluto da Trump è il primo intervento militare americano su territorio siriano dall'inizio della guerra civile nel 2011. Dall'insediamento in poi è la prima volta che una decisione dell'amministrazione Trump viene valutata così positivamente dai leader mondiali: l'Unione europea ha detto che è pronta a collaborare, l'Italia ha parlato di "risposta motivata", per Germania e Francia l'unica responsabilità di quanto accaduto è di Assad.

Quali sono le ultime notizie dal fronte Siria?

Donald Trump, il presidente degli Stati Uniti, dopo aver convocato una conferenza stampa per condannare l'accaduto a Idlib in Siria del 4 aprile, ha deciso di bombardare la base aerea di Al Shayrat con il lancio di cinquantanove missili da due navi militari nella notte del 7 aprile circa alle quattro e quaranta del mattino, orario siriano.

Mosca: rafforzeremo difese. "Al fine di proteggere gli oggetti piu' sensibili delle infrastrutture siriane nelle prossime ore verra' prese una serie di misure per il rafforzamento e l'innalzamento dell'efficacia del sistema di difesa aere delle forze armate siriane".


Popolare

COLLEGARE