Allegri: "Non sono preoccupato"

E' il Max Allegri pensiero, dopo la dolce sconfitta per 3-2 contro il Napoli al San Paolo che vale la finale di Coppa Italia per i bianconeri. Abbiamo preso subito il gol dell'uno a uno, eravamo un pochino disattenti, avevamo abbassato un pochino la tensione, poi c'è stato questo incidente di Neto, che può capitare, ma ha fatto una grande partita, perché sullo zero a zero ha salvato il gol su Callejon, negli ultimi minuti concitati è uscito 3-4 volte e ha preso palle importanti. "Sono dispiaciuto perchè era una partita che potevamo vincere, ma l'importante era passare e raggiungere la finale che è la terza finale di seguito".

Capitolo Pipita. "Higuain? Ha fatto una settimana buona di lavoro dopo la Nazionale e lo dimostra la lucidità dimostrata - sottolinea il tecnico della Juventus -".

Nel finale Allegri ha alzato la voce per un pallone non restituito dal Napoli, sulla questione risponde: "No, io non voglio fare polemica". Abbiamo iniziato oggi la grande sfida, arrivare in fondo a tutti e tre gli obiettivi. E' stata una partita dura, maschia, arcigna sotto tutti i punti di vista, che ha regalato spettacolo per i disinteressati, ma che ha fatto alzare la pressione ai tifosi chiamati in causa.

Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri è intervenuto ai microfoni Rai. Però ora abbiamo il campionato, domenica c'è una partita cruciale e domenica c'è bisogno di tutti. Tra me e la società non ci sono mai statiproblemi, viaggiamo di comune accordo. Poi ci metteremo a tavolino e vedremo. "Poicon la società ci incontreremo, ma se le cose vanno bene noncapisco perché ci debba essere una separazione". "In questo momento non ci penso neanche, penso a vincere più partite possibili e dobbiamo riempire il mese di maggio...ma per farlo dobbiamo battere il Barcellona".


Popolare

COLLEGARE