Alitalia: maratona nella notte e pre-accordo su esuberi e stipendi

"Abbiamo fatto uno sforzo importante e dobbiamo dare atto a tutte le parti di aver messo in campo una disponibilità che dà il senso di attaccamento". L'intesa con i sindacati è condizione fondamentale per concentrarsi sulla ricapitalizzazione della compagnia aerea: niente accordo, niente soldi per attuare il piano industriale e rimpinguare le casse di Alitalia. Il verbale verrà firmato dopo il referendum tra i lavoratori.

"Entrando nel dettaglio del pre-accordo gli esuberi previsti per il personale a tempo indeterminato scendono da 1.338 a 980, attraverso il superamento "dei progetti di esternalizzazione delle aree manutentive e di altre esternalizzazioni", il ricorso alla Cigs entro il maggio 2017 per due anni, l'attivazione di programma di politiche attive del lavoro (riqualificazione e formazione del personale) e misure di incentivazione all'esodo, oltre ai miglioramenti di produttività ed efficienza" che saranno definiti in ambito aziendale entro maggio. Si segnala anche che il piano approvato dal Cda prevede una crescita dei ricavi e una significativa riduzione dei costi. "Il preaccordo è positivo ma se l'operazione dovesse fallire tutti i costi finirebbero sullo Stato, e si tratta di più di un miliardo" ha avvertito però il ministro dello Sviluppo, Carlo Calenda riferendosi alla garanzia pubblica sui nuovi prestiti di sicurezza delle banche. Gli azionisti, a loro volta, per superare questa tragica crisi finanziaria (non la prima per l'Alitalia, vittima negli anni di errori diffusi e di vario tipo) si impegnano a una ripatrimonializzazione dell'azienda per circa 2 miliardi di cui 900 come nuova finanza. E' quanto ha affermato il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio.

Secondary ticketing, Antitrust commina multa da 1 milione a TicketOne
L'Autorità, pertanto, ha ritenuto i suddetti professionisti responsabili di pratiche commerciali scorrette ai sensi degli artt. E altri 700mila complessivi ai quattro principali siti di secondary ticketing , Viagogo , Seatwave , Ticketbis e Mywayticket .

"Abbiamo definito un verbale del confronto che si è svolto in questo periodo, che sottoporremo a referendum vincolante la prossima settimana". Non abbiamo ottenuto tutto ciò che volevamo ma, comunque, ci fa piacere soprattutto perché sono stati rispettati i tempi previsti. Quella per Alitalia e' stata "una trattativa molto complessa", sottolinea la leader della Cisl, Annamaria Furlan, intervenendo ai microfoni di Radio Anch'io. Abbiamo fatto il massimo possibile nel confronto. "In questi mesi ci siamo adoperati per evitare il rischio do default".

"La proposta presentata - aveva detto il segretario generale della Uilt, Claudio Tarlazzi - non ci consente di chiudere". Gli esponenti sindacali ritengono si siano raggiunti risultati importanti, dopo un faticoso e lungo lavoro di trattative e confronti. L'abbattimento del 30%, contenuto nel documento è stato riportato sui media come 8%: inoltre occorre tener presente che c'è un aggravio di mansioni e soprattutto che il salario dei naviganti è legato alle ore di volo, una sorta di cottimizzazione: più lavori più guadagni, e che tradotto ulteriormente, vorrà dire lavorare molto di più per guadagnare molto meno.


Popolare

COLLEGARE