Voucher, si cambia: "Ne limiteremo l'uso solo alle famiglie"

Nel 2016 gli ispettori di ministero del Lavoro, Inps e Inail hanno controllato oltre 191 mila aziende riscontrando irregolarità nel 63% delle ispezioni. "Le imprese hanno già i contratti di lavoro", aveva detto in mattinata il ministro del Lavoro Giuliano Poletti nel corso della presentazione dei dati sull'attività ispettiva del ministero nel 2016. Imprese Italia "non è corretto intervenire sui voucher perchè con questi possono emergere occasioni di lavoro, si offrono opportunità di guadagno legale, regolamentato e tracciato, mentre il risultato della loro limitazione non sarebbero nuovi rapporti di lavoro, bensì la dispersione di potenziali occasioni di occupazione".

Secondo Poletti, i voucher vanno "drasticamente limitati e tendenzialmente usati dalle famiglie per piccoli lavoretti e non dalle imprese".

Medicinali illegali nei sexy shop, arresti anche a Taranto
In manette sono finiti anche undici titolari di sexy shop perché nei loro negozi sono stati trovati i medicinali illeciti. Le indagini si sono allargate per ricostruire da dove i farmaci venissero spediti ai sexy shop.

Il Presidente provinciale di Confcommercio Gianni Indino interviene sulle dichiarazioni del Ministro Poletti rilasciate ieri sul tema dei voucher.

Abbattere questo vincolo potrebbe infatti essere un compromesso ragionevole che eviterebbe gli abusi dei voucher, visto che si tratta di un contratto di lavoro normale (ma con la caratteristica della precarietà) che avrà quindi costi più alti per le imprese ma anche un migliore impatto sul reddito del lavoratore. I lavoratori irregolari scoperti sono stati 186.027, un terzo dei quali totalmente in nero. Nel complesso sono stati accertati contributi e premi evasi per oltre 1,1 miliardi. In 1.638 casi l'utilizzo improprio dei voucheur è servito a coprire il lavoro nero.


Popolare

COLLEGARE