Volkswagen chiude la porta a Fiat Chrysler

Intanto slitta a giugno la comunicazione di Fca ai sindacati dei modelli che saranno prodotti nello stabilimento di Pomigliano d'Arco, fino ad allora saranno prorogati i contratti di solidarietà per le maestranze della fabbrica.

Nel frattempo c'è soddisfazione per il numero di ordini raccolti dalla Alfa Romeo Stelvio nelle prime due settimane di lancio ("meriterebbe un brindisi") e, al traino, la casa del Biscione ha segnato ieri anche il record di ordini in un giorno per la Giulia, "segno che l'effetto traino dello Stelvio si sta verificando, il che era esattamente quello che speravamo, anche se in questo momento c'è l'entusiasmo della presentazione".

Marchionne ha ribadito, sempre a margine del Salone dell'Auto di Ginevra che sarà aperto al pubblico da domani, che l'alleanza con GM resta auspicabile malgrado gli ultimi sviluppi. "Da costruttore globale - ha proseguito il Ceo di FCA - non so davvero cosa pensare con la dirigenza GM che considera il Vecchio Continente un rischio geopolitico". "Con tutto il rispetto Pomigliano sa fare di meglio". Lo ha dichiarato l'amministratore delegato di FCA Sergio Marchionne aggiungendo di aspettarsi che a un certo punto si sarebbe presentata alla sua porta Volkswagen.

Tutti i diritti di utilizzazione economica previsti dalla legge n. 633/1941 sui testi da Lei concepiti ed elaborati ed a noi inviati per la pubblicazione, vengono da Lei ceduti in via esclusiva e definitiva alla nostra società, che avrà pertanto ogni più ampio diritto di utilizzare detti testi, ivi compreso - a titolo esemplificativo - il diritto di riprodurre, pubblicare, diffondere a mezzo stampa e/o con ogni altro tipo di supporto o mezzo e comunque in ogni forma o modo, anche se attualmente non esistenti, sui propri mezzi, nonché di cedere a terzi tali diritti, senza corrispettivo in Suo favore. Potrei riprovare e bussare a una porta qualsiasi e lo farei se fosse giusto per il business. "Un buon pacchetto, un buon accordo, anche se difficile da mettere insieme", lo ha dichiarato Sergio Marchionne, parlando dell'acquisizione di Opel da parte di Psa. Porta chiusa, invece, alle cessioni: "Finche ci sono io - ha detto l'ad - non cederemo nessun brand". "Il mio termine finale è il 2020-21". Marchionne ha precisato inoltre che il gruppo ha creato "le riserve" per trovare delle soluzioni con le autorità ambientali Epa e Carb, senza specificare se si tratti di risorse economiche o tecnologiche.


Popolare

COLLEGARE