Torna in Italia la bimba rapita dal padre siriano cinque anni fa

Si avvia verso un lieto fine la storia della piccola Houda Emma, la bimba rapita 5 anni fa dal padre e portata in Siria, sottraendola alla madre, Alice Rossini, che in questo periodo ha continuato a lanciare appelli e a chiedere aiuto alle istituzioni. Da allora la madre, Alice Rossini, non ha più visto la figlia che, come reso noto dalla Farnesina, è già in volo verso il nostro paese e arriverà nel tardo pomeriggio all'aeroporto di Malpensa, a Milano, con un volo proveniente da Istanbul.

Il rientro in Italia della piccola Houda Emma "è stato possibile grazie all'eccellente collaborazione con la Turchia: le autorità turche, infatti, consapevoli della valenza umanitaria della vicenda, hanno facilitato l'arrivo dalla Siria e il transito in Turchia della piccola Houda Emma". Lo ha detto il ministro degli Esteri Angelino Alfano. Dal 12 febbraio scorso è detenuto nel carcere di Rebibbia. In questi anni non l'ha mai rivista e le ha parlato brevemente al telefono solo tre volte con grande difficoltà, la piccola parla solo arabo. Dopodiché le autorità di Atene, in esecuzione di un mandato di cattura europeo, lo hanno estradato in Italia.

Gabbiadini giocatore del mese in Premier, con tanti saluti al nostro calcio
Ancora più indietro gli altri tre candidati, Henrikh Mkhitaryan (4.873), Gabriel Jesus (1.876) e Gareth McAuley (1.237). Partire, lasciare il proprio Paese e ritagliarsi subito un posto da protagonista nella nuova squadra.

Oggi Emma ha quasi sette anni e lo stesso sguardo dolce di quando era poco più di una neonata.

Poi il post prosegue "Ieri gli uomini del Servizio per la cooperazione internazionale di polizia della Direzione centrale della Polizia criminale, dopo un lungo lavoro con le autorità turche, quelle siriane e grazie all'impegno dell'Ambasciata italiana ad Ankara, hanno preso in consegna la bambina, al confine turco-siriano, dalle mani dei parenti di suo padre".


Popolare

COLLEGARE