Torino, rientra in fabbrica dopo il trapianto di fegato. Operaio licenziato

Antonio spiega in breve la sua vicenda: "Ho sempre fatto i tre turni senza lamentarmi". La vita del 55enne è stata stravolta unanno fa, quando in seguito a una visita di controllo ha scoperto di avere una brutta malattia al fegato: "Mi avevano dato sei mesi di vita". "Ho subito un trapianto di fegato a luglio e, lunedì scorso ho rimesso piede in azienda, scoprendo di essere stato licenziato". L'azienda mi ha suggerito di mettermi in ferie, così ho smaltito i giorni che avevo a disposizione. "Io però penso che potrei continuare a fare lavoro d'ufficio o di magazzino, anche demansionato". Lunedì sono tornato al lavoro, ma mi hanno detto che il posto per me non c'era più. Oggi tutti i suoi colleghi hanno scioperato per due ore su tutti i turni con l'appoggio dei sindacati Fiom-Cgil, Fim-Cisl e Uilm-Uil.

"Si è trattato di uno sciopero di solidarietà ma anche di un segnale che i lavoratori hanno voluto dare - spiega Edi Lazzi della Fiom - sostenere che in un'azienda che occupa circa 700 addetti non ci sia una mansione adatta al lavoratore rientrato dopo la convalescenza ci sembra un po' pretestuoso. Ci auguriamo che ritorni sui suoi passi e si sforzi di trovare una soluzione adeguata alle attuali condizioni fisiche del lavoratore, dal momento che quello dell'azienda è in questo caso un comportamento discriminatorio".

Morto a 83 anni Danilo Mainardi, l'uomo che amava gli animali
In seguito ha insegnato all'Università Cà Foscari a Venezia, città dove ha vissuto gli ultimi vent'anni . Il celebre etologo Danilo Mainardi è morto questa mattina, alle 5.30.

Dopo 37 anni di lavoro, 27 trascorsi nella fabbrica di Cascine Vica, ad Antonio mancano ancora 5 anni per raggiungere la pensione: "L'azienda non ha informato le Rsu e ha fatto offerte ridicole al lavoratore, che giustamente le ha rifiutate - spiegano i rappresentanti sindacali -". Per tutta la giornata di mercoledì 8 marzo Fiom, Fim e Uil hanno proclamato lo stato di agitazione e definito "inaccettabile" la decisione dell'azienda, leader nel campo della produzione di ingranaggi e componenti per la trasmissione.


Popolare

COLLEGARE