Ritorna l'ora legale: questa notte lancette un'ora avanti

Come nasce l'ora legale? E ancora oggi il dibattito tra favorevoli e contrari prosegue senza sosta.

Torna l'ora legale. Da marzo in poi, giornate più lunghe e addio inverno. Il rischio, dormendo un'ora in meno, è quello di alzarsi vedendo aumentati alcuni dolori cronici, come il mal di schiena.

Stando a una ricerca, un rimedio arriva anche dall'ora dei pasti che, se anticipata anche solo di un quarto d'ora nei giorni a cavallo dello spostamento delle lancette, abituerebbe il nostro organismo a un diverso ritmo nutrizionale e digestivo, regolando così il nostro "orologio biologico" al nuovo orario.

Nella notte tra sabato 25 Marzo e domenica 26 Marzo torna l'ora legale e alle 2 si dovranno spostare le lancette dell'orologio avanti di un'ora.

Gli hacker ora vogliono 700.000 dollari da Apple
Un gruppo di hacker chiamato "The Turkish Crime Family " starebbe tentando di ricattare Apple, chiedendo un riscatto di 750.000 dollari.

Considerando che un kilowattora costa in media al cliente domestico tipo circa 18,63 centesimi di euro al lordo delle imposte, la stima del risparmio economico per il sistema relativo al minor consumo elettrico nel periodo di ora legale per il 2017 è pari a 104 milioni di euro. Le giornate si allungheranno, ci sarà un risparmio energetico in bolletta ma si dormirà un'ora in meno.

In Italia l'ora legale venne introdotta come misura di guerra nel 1916. Lo hanno fatto i Russi nel 2011, per pentirsene al primo inverno, quando i cittadini di Mosca si accorsero che il sole da loro sorgeva intorno alle 10 di mattina, mentre a San Pietroburgo, addirittura, oltre le 11. E' il momento di seguire un'alimentazione leggera e detox, con un buon apporto di frutta e di verdura cruda, per favorire la digestione e predisporre a un buon riposo. Inutile dire che è meglio bandire dalla tavola della cena le bevande eccitanti, come il caffè o gli alcolici e superalcolici.

Quando nell'Ottocento i diversi paesi del mondo adottarono gradualmente un orario unico - suddiviso in 24 fusi orari - riconosciuto in tutto il mondo, non si cambiava mai ora all'orologio e non si teneva conto delle diverse condizioni della luce e, di conseguenza, della sua influenza sullo stile di vita delle persone. L'americano Michael Downing - autore di un libro dal titolo eloquente, "Spring Forward: The Annual Madness of Daylight Saving Time (anticipare la primavera: la follia annuale dell'ora legale)", - sostiene che sarebbe tutta una montatura.


Popolare

COLLEGARE