Peugeot compra Opel per 1,3 miliardi

Insieme all'acquisto della Opel e del marchio britannico Vauxhall, il colosso transalpino riprenderà, insieme alla banca BNP Paribas, la filiale finanziaria di GM Europe per circa 900 milioni di euro. Non sono mancate infatti le perplessità e i dubbi del governo tedesco, che ha manifestato un certo disappunto sull'operazione. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all'uso delle informazioni ivi riportate. Un accordo voluto dall'ex top manager del Gruppo francese Philippe Varin, il predecessore di Carlos Tavares, che prevedeva un altro progetto per lo sviluppo in maniera congiunta dell'ossatura delle nuove utilitarie di segmento B che nascono dall'altra piattaforma, la Emp11, la "piccola" rispetto alla Emp2, portata al debutto dalla nuova Citroen C3 e che in seguito verrà utilizzata per la nuova Peugeot 208 oltre che per la futura Opel Corsa. "Rispettiamo tutto ciò che le persone di talento di Opel/Vauxhall hanno raggiunto, così come i marchi della società e il forte patrimonio".

L'unica certezza è che le nozze tra Psa e Opel accelereranno l'arrivo di quei prodotti condivisi previsti già dall'alleanza industriale che i due gruppi avevano stretto 5 anni fa. Lunedì il numero uno di Psa, in conferenza stampa, ha detto che le sinergie tra Psa e Opel, dopo l'acquisizione della divisione europea di Gm da parte del gruppo francese, "per come sono costruite oggi, non sono basate su tagli del personale".

Schiaffi e insulti ai bambini, sospese due maestre a Oppido Mamertina
Prima di picchiarli con violenti schiaffi al volto le due urlavano per richiamare l'attenzione dei bambini . Due maestre , entrambi 49enni, sono state sospese per aver picchiato e minacciato due alunni.

La situazione della General Motors non è certo rosea: siamo davanti ad un deficit cronico che registra perdite di utili pari a 257 milioni di dollari in un anno. Sono 38 mila i dipendenti di Opel in sette paesi, contro i 184 mila dei francesi. La stretta di mano tra PSA e General Motors vale dunque un totale di 2,2 miliardi di euro.

La profonda crisi dei bilanci della Opel aveva dato adito a voci in Germania di possibili licenziamenti dovuti alla possibile chiusura degli impianti del costruttore automobilistico. La transazione è soggetta alle approvazioni regolamentari e di riorganizzazione, e si prevede di chiudere entro la fine del 2017.


Popolare

COLLEGARE