Petagna Inter, l'attaccante dell'Atalanta bloccato dai nerazzurri

Obiettivi chiari, tatutati. "mi sono tatuato un aeroplano per volare in alto, tratto da una canzone dei Club Dogo". Secondo quanto riportato dal quotidiano sportivo 'La Gazzetta dello Sport', Piero Ausilio, nell'ambito della trattativa che ha portato Gagliardini a vestire la maglia nerazzurra, avrebbe virtualmente bloccato l'attaccante ex Milan. "Non volevo restare nella Primavera, sono andato alla Samp". La famiglia Percassi mi dice che avrei fatto parte del progetto Atalanta, mi ha dato forza. Non giocavo ma mi sono trovato bene: è determinato e forte. Bravo a darti fiducia ma devi sempre stare sul pezzo.

Impossibile per Petagna non parlare del grande rapporto con gli altri compagni, specialmente con il Papu Gomez: "Siamo diventati amici in campo e diventarlo fuori è stata una conseguenza". Riguardiamo i video insieme per capire come muoverci meglio, mi aiuta tanto. Finché lotto per la squadra e vinciamo, sono contento. Ero convinto arrivasse, ma non così in fretta. La società è importante, Gasperini un grande, Zingonia una struttura da big, ci sono giocatori bravi come Caldara, Spinazzola, Kessie. È così che arrivano i risultati.

Titolare di un bar-ristorante trova i ladri e spara, un morto
Secondo quanto è emerso, la vittima , alle 3.40 aveva provato a introdursi nel ristorante. Un caso di tentato furto si è trasformato in tragedia a Casaletto Lodigiano (Lodi ).

Sull'aver ritrovato Cristante: "E' stato come tornare ragazzini come quando, a 10 anni, facevamo i provini e poi giocavamo nel Milan". La nostra è un'amicizia lunga e importante. Quando il direttore Spagnolo mi chiese di lui, gliene parlai bene. Già all'epoca dell'Empoli pare che il tecnico toscano avesse ideato 37 schemi per quasi ogni tipo di calcio da fermo: dalla punizione dalla trequarti alla rimessa laterale e i corner che ora sono un tasto dolente. Se abbiamo un punto in più di loro dopo 27 partite, qualcosa significa.

Il pensiero vola subito a San Siro, all'Inter e a alla posizione in classifica: "Decisivo se vinceremo, non se dovessimo perdere o pareggiare. Siamo forti e possiamo fare un grandissimo Europeo a giugno in Polonia".


Popolare

COLLEGARE