Otto marzo di scioperi: a rischio trasporti, scuola e sanità

Alle 10 altro presidio alla Garbatella (piazza Oderico da Pordenone), davanti alla Regione Lazio: claim della manifestazione "libere di scegliere, pronte a reagire!". Ma oltre alle celebrazioni è urgente che il Parlamento si impegni a fare atti concreti: "Possibile crede nell'uguaglianza, in tutte le sue forme, come motore del cambiamento nella società". Le proteste indette da Orsa, Faisa Cisal e Usb andranno a sovrapporsi a quelle in Roma Tpl proclamate da Cgil, Cisl, Uil e Usb. L'agitazione coinvolgerà anche i trasporti: bus, tram, metropolitane, ferrovie e aerei. Nella notte tra l'8 e il 9 non è garantito il servizio dei bus notturni e della linea 913.

Trenitalia ha comunicato che lo sciopero inizierà a mezzanotte di martedì 7 marzo e si concluderà alle 21 dell'8 marzo. Saranno invece regolari le Frecce.

A Milano l'agitazione è prevista dalle 8,45 alle 15,00 e dalle 18,00 al termine del servizio. Domani sarà tempo di sciopero generale 8 marzo 2017. In questo modo secondo Amici "non si accenderanno i riflettori" sulla questione delle donne e delle pari opportunità "il rischio è che abbiamo contribuito a fare dell'8 marzo una data in cui si blocca tutta la città e si bloccano le donne nella loro mobilita'".

Maxi sequestro per 9 mln euro a Sinti
I beni venivano intestati di solito a prestanome (almeno una trentina ), perlopiù familiari con fedine penali immacolate. E poi 52 terreni e 29 immobili , tra cui anche ville da sogno in Svizzera e Sardegna .

"Il piano femminista contro la violenza elaborato nelle tappe di costruzione della giornata dell'8 marzo - prosegue la nota - vuole contrastare la violenza maschile contro le donne, la precarietà del lavoro e della vita, la distruzione del welfare, le politiche della sicurezza e contro i migranti, l'attacco alla autodeterminazione, e fa delle donne non solo le destinatarie di diritti, che la crisi determinata dalle politiche liberiste distrugge, ma la soggettività che afferma un'altra idea di mondo, di economia, di relazioni".

Assicurati comunque i servizi minimi essenziali e le prestazioni indispensabili, quali il pronto intervento a ciclo continuo, la raccolta di pile, farmaci e siringhe abbandonate, la pulizia dei mercati, la dei raccolta dei rifiuti prodotti da case di cura, ospedali e caserme, e i servizi del settore funerario.

Nel giorno della Festa della donna, previste mobilitazioni in una quarantina di Paesi per dire no alla violenza di genere. I disagi potrebbero interessare diversi settori. Durante la giornata, sono diverse le iniziative e gli eventi in tutta Italia. "Questo 8 marzo - spiegano le portavoci di 'Non una di meno' - non sarà una ricorrenza puramente celebrativa, fatta di mimose e cioccolatini, ma una giornata di vera lotta per la dignità delle donne".


Popolare

COLLEGARE