Morto a 83 anni Danilo Mainardi, l'uomo che amava gli animali

In seguito ha insegnato all'Università Cà Foscari a Venezia, città dove ha vissuto gli ultimi vent'anni.

Il pubblico televisivo lo conosce certamente perché Danilo Mainardi è apparso spesso in tantissime trasmissioni tv (soprattutto in Quark dell'amico Piero Angela) e in più, per diverso tempo, ha collaborato anche con il quotidiano milanese Il Corriere della Sera. Autore di numerose ricerche sull'evoluzione biologica, sullo studio dei modelli di comportamento e di scelta sessuale è stato tra i primi etologi italiani ad avvalersi di documenti filmografici in grado di evidenziare sequenze di azioni dalle quali fosse possibile inferire i meccanismi posti in atto dagli animali sociali per la risoluzione di problemi specifici. Qui la sua pagina su Wikipedia.

Il celebre etologo Danilo Mainardi è morto questa mattina, alle 5.30.

Stimato dagli esperti del settore per la sua competenza era amato anche dagli appassionati degli animali per la semplicità delle sue esposizioni, ogni qualvolta scriveva o parlava delle abitudini degli animali traspariva la sua grande passione per questo mondo, particolare che gli permetteva di parlarne con competenza e comprensibilità.

Il cordoglio del sindaco Brugnaro.

"Penso sia bello fare qualcosa per lasciare un segno e utilizzare la nostra volontà per far sì che la vita continui" è la frase con cui la Lipu, di cui Mainardi era presidente onorario dal 1996, lo ricorda. "Venezia, che ha avuto l'onore di accoglierlo tra i propri cittadini, non dimenticherà il suo impegno accademico e il suo instancabile lavoro nella difesa degli animali".


Popolare

COLLEGARE