Etna: esplosione di lava. 10 i feriti

Lo riporta l'ANSA. Sarebbero stati colpiti da materiale lavico. Sei feriti sono stati ricoverati in quattro ospedali locali, di Catania e Acireale, presentando contusioni e traumi, soprattutto cranici.

L'incidente è accaduto a circa 2.700 metri d'altezza nei pressi dalla colata del versante sud dell' Etna. Le loro condizioni, comunque, non sarebbero gravi. Sul posto sono intervenuti gli uomini del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di stanza a Nicolosi, la Polizia di Stato, il Corpo Forestale della Regione Siciliana ed il personale del 118. Tre dei pazienti sono, uno ciascuno, negli ospedali Garibaldi, Vittorio Emanuele e Cannizzaro di Catania. Il vulcanologo Stefano Barca ha raccontato i fatti si sono verificati a 2700 metri di quota per effetto dello scioglimento della neve, un episodio occasionale e che non desta preoccupazione anche se a pochi metri di distanza c'è la funivia.

Nel 1979 nove morti sul vulcano. Il tutto, la cui intensità dipende dalla quantità d'acqua vaporizzata, poteva essere anche molto più violenta di come invece si è manifestata e, dunque, riportare conseguenze ben peggiori. Momenti di paura con lapilli che piovono sulle persone come pioggia. Nove restano uccisi, 23 feriti.

Rottamazione, per la proroga si apre la via del decreto
Si profila con l'intervento del decreto uno slittamento dei termini dal 31 marzo al 21 aprile per la presentazione delle istanze. Le prime due rate sono pari ciascuna a un terzo del dovuto, le ultime due a un sesto.

L'ultimo morto sul cratere dell'Etna risale però al 1979 quando un pullman di turisti era riuscito ad arrivare fino alla Bocca Nuova e lì ci fu esplosione che causò la perdita di nove vite umane. Dalle 8.34 di questa mattina l'attivita' stromboliana del vulcano, iniziata nella serata di ieri, si e' gradualmente intensificata, generando una colata lavica sommitale.

L'Osservatorio etneo dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia sta monitorando fin dall'inizio il fenomeno.

Il tremore si mantiene stazionario su livelli alti.


Popolare

COLLEGARE